"A casa non s'arriva mai, ma dove confluiscono vie amiche, il mondo per un istante sembra casa nostra" (H.Hesse)

venerdì 24 maggio 2013

Usi e costumi – Paccheri alla cernia



Una vocina lontana e musicale che termina con un tono alto.
Un interrogativo sospeso, un vuoto da riempire, due occhi che ti scrutano ansiosi.
Capisco che la domanda è rivolta proprio a me quando, con molta fatica, riemergo finalmente dalle parole del mio libro.
E molto lentamente esco dalle atmosfere cupe e dagli intrighi ansiosi delle pagine de “La Mennulara”.
Dalla Sicilia agli States il passo è breve, del resto mi trovo su un treno regionale pieno di turisti e la cosa non è nemmeno molto strana.
Mi scoccia assai essere stata trascinata fuori, seppur con molto garbo, dagli intrighi della famiglia Alfallipe, oltretutto quella è la mia camera di compensazione tra il corri corri che ho appena terminato a casa e il lavoro che mi aspetta.
Mettiamoci che da quanto mi è riuscito di capire nello stato semi-ipnotico in cui ancora mi trovo, devo pure dare fondo a tutte le conoscenze di inglese che, nonostante tutti i viaggi in giro per il mondo rimangono sempre, scientemente, frammentarie e lacunose, perché ma sì, alla fine ci si capisce comunque.
Che poi di preciso: mo’ che vòle questa?
Ah ecco, sapere se il treno è diretto proprio a Bracciano.
Capperi, l’ho appena preso anche io e giurerei di sì, ma i dubbi, in casi come questi, fanno presto a sorgere, dilagare, amplificarsi.
Del resto non sono nuova a errori e distrazioni di questo genere.
Visto che è ancora fermo in banchina mi affaccio per leggere il display e mentre penso che probabilmente la tizia avrebbe potuto farlo anche da sola, rispondo magnanimamente che sì, è diretto proprio lì, grazie al cielo.
Ma un’altra, brillante domanda è subito pronta ad affiorarle alle labbra.
Sempre con lo stesso sorriso.
Ancora col medesimo garbo.
E Bracciano è l’ultima fermata?
Benedetto il cielo.
Ora, non so negli altri paesi come funzioni, ma di solito se su un  cartello c’è scritto “TRENO DIRETTO A BRACCIANO” e subito dopo anche l’orario di arrivo (preceduto a sua volta dalla citazione di tutte le fermate intermedie, in piccolo, proprio per lasciare che perfino i segni grafici giungano lampanti laddove il significato delle parole dovesse risultare oscuro…), dove altro potrebbe mai essere diretto quel convoglio lì?
Altro sguardo veloce al tabellone (che stavolta provvedo anche a indicare col dito), ancora per sincerarmi, ma un po’ pure per ratificare una sottile presa per i fondelli, rispondo puntualmente che sì, è l’ultima fermata, considerando che il treno è diretto esattamente lì.
E sarebbe perlomeno bizzarro che il medesimo fosse diretto a  Bracciano e però l’ultima fermata coincidesse, che so, con Sgurgola Marsicana.
Ma le mie competenze linguistiche non mi permettono di fare dell’ironia.
È alla terza domanda che comincio a  chiedermi se sono ancora seduta, con la mente immersa fra le pagine del mio libro e magari è cambiato scenario o  sono proprio io quella in piedi, con il libro (chiuso) in mano (e il dito come segnalibro), le borse e la giacca lasciati 3 sedili più avanti, a intessere una conversazione strampalata con una tizia gentile che mi guarda sorridendo e si profonde in sguardi pieni di speranza e gratitudine.
Quanto tempo ci vorrà?
Signore aiutami.
Dunque, facendo un rapido calcolo, se sono le 13:03 e sempre sul famoso display in banchina c’è scritto

 Bracciano-aperta parentesi tonda-13:48-chiusa parentesi tonda

e sempre che la matematica non sia un’opinione, in italiano o in inglese che sia: 48 meno 3 quanto mai farà?!
Ma siccome di sicuro nella vita c’è proprio poco, e tutto, in fondo, è sempre estremamente relativo, rispondo tentennando:
Credo, più o meno, 45 minuti”
Comincio a vacillare pure io, sudo freddo, che la vita è proprio complicata sì: ti pone quesiti machiavellici, ti instilla dubbi amletici, ti mette nelle condizioni di riflette su come, in fondo, pure prendere un treno che sai dove va e a che ora dovrebbe arrivare, nasconde insidie inimmaginabili.
Mina certezze scientifiche, sgretola piani di marcia faticosamente elaborati.
E ti pone la fatidica domanda: sicura sicura che sia proprio così?
Mai abboccare.
Il dubbio, prima di tutto.
Su tutto.
E infatti comincio a pensare che la signora debba conoscere perfettamente l’andazzo della circolazione dei treni dei pendolari, tutti i ritardi, le soppressioni di corsa, i cambi binario e magari, prudentemente, arriva a porsi (e a condividere generosamente!) questioni sui massimi sistemi.
Mica sbagliato però.
Io finora avevo come unica certezza almeno la destinazione.
Certo in effetti l’orario di arrivo no, che lungo il viaggio può succedere di tutto.
Ehhh ma da oggi cambia tutto, eh? anche perché, chi me lo dice che finora facessi bene a concedere fiducia incondizionata alla destinazione di un treno??
Non faccio in tempo a  rispondermi adeguatamente, che vengo ritrascinata giù dai miei pensieri, con la faccia della signora vicina al mio viso.
Sempre più gentile, sempre più sorridente, con gli occhi sempre più luminosi di gratitudine che li accende di mille scintille e infinite pagliuzze dorate.
Devo averle placato più di un dubbio (assorbendolo e facendolo mio), per meritare tanta gratitudine.
E salvatole la vita, svoltatole la giornata, placatole l’animo agitato.
È con voce soave, infatti, mano sul petto e lieve inchino della testa che si congeda dicendomi:
“Thank you very much. And have a wonderful day”.
Mi sento proprio brava e fortunata, perchè al massimo me ne avevano augurata una “Nice”, di giornata, ma wonderful no, proprio mai.

@@@@@@@@@@@@@


Vado di archivio oggi. E di una ricetta entrata nell'uso famigliare e quindi fotografata un’unica volta (quel dì) e poi mai più, che tanto le foto le avevamo già fatte. Salvo poi accorgermi, al momento giusto, che ste foto erano solo due (le seguenti) e pure di qualità peggiore del solito.
Serve quindi un piccolo sforzo di immaginazione e immedesimazione, per decidersi a provare questo piatto qui che però, garantisco, vale davvero la pena.
Da provare anche con altri formati di pasta, per carità, ma il pacchero ha un fascino tutto suo. E soprattutto a me personalmente fa pensare all'estate  sempre che quest’anno si decida ad arrivare…
Riguardo all'uso del parmigiano con il pesce è frutto di una diatriba infinita tra chi aborrisce e chi ne è deciso fautore.
Io appartengo a quest’ultima categoria e, per esempio, con la cucina siciliana (dove il pesce abbinato al formaggio è quasi una costante) mi trovo molto bene!


Ingredienti (per 4 persone)
Una decina di paccheri lisci a persona
1 filetto grande di cernia (circa 400 gr)
2 spicchi d’aglio
¾ di bicchiere di olio extravergine d’oliva
1 bicchiere di vino bianco secco
½ kg di gamberetti
1 mazzetto abbondante di prezzemolo
1 gambo di sedano
1 carota
1 cipolla
1 patata piccola
1 pomodoro
sale grosso e fino
pepe
peperoncino
insaporitore per pesce
2 cucchiai di parmigiano

Procedimento
Predisporre anzitutto un brodo vegetale, mettendo in una pentola capiente riempita di acqua fredda, la carota, il sedano, la cipolla, una patata piccola, un pomodoro inciso a croce, un ciuffo di prezzemolo e un cucchiaio di sale grosso e lasciarlo sobbollire per almeno un’ora prima di tuffarci dentro, per pochi minuti, i gamberi. A cottura avvenuta filtrare il brodo e lasciarlo da parte (i gamberi naturalmente avranno bisogno di poco tempo di cottura e serviranno solo a insaporire il brodo: questi, una volta sgusciati, potranno essere consumati a parte, magari come antipasto conditi con una leggera salsa rosa ricavata con un po’ di maionese e una punta piccolissima di ketchup, oppure tuffati nel piatto finito e  amalgamati a tutto il resto).
In una larga padella mettere l’olio d’oliva con i due spicchi d’aglio tagliati a metà e far soffriggere leggermente. Dopodiché aggiungere il filetto di cernia tagliuzzato a dadini e cospargere di abbondante prezzemolo tritato, un po’ di sale, un po’ di peperoncino, un pizzico di pepe, una presa di aromi vari per pesce e una volta rosolato, sfumare con il vino alzando la fiamma per farlo evaporare.
Lessare  i paccheri nel brodo filtrato e scolarli molto al dente in modo da ultimarne la cottura nella padella con il condimento, allungando, a mano a mano, con qualche mestolo di brodo).
Prima di servire in tavola, mantecare il tutto con i due cucchiai di parmigiano e una abbondante manciata di prezzemolo finemente tritato.

12 commenti:

  1. Scrivi che le foto sono riuscite meno bene del solito, ma ti assicuro che rendono perfettamente la bontà di questo piatto, nonostante il tempo inclemente la voglia di piatti di pesce è altissima!

    RispondiElimina
  2. Grazie sara, che bello il tuo apprezzamento!!!
    Grazie di cuore! e poi sì, questo tempo ha stufato e il sole e il mare almeno ce li portiamo nel piatto!
    Un bacione grande, buona giornata!

    RispondiElimina
  3. magari era la direttrice generale delle ferrovie che stava mettendo alla prova la tua pazienza ferroviaria...e magari ora, riconoscente, ti recapiterà un abbonamento illimitato per tutte le destinazioni del mondo.... magari.... nel meraviglioso paese dei campanelli tutto potrebbe accadere...anche avere voglia di mangiarsi alle 10.16 di mattina un favoloso piatto di paccheri con la cernia! bacioni bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh magari, marina!! Per un biglietto gratis per tutte le destinazioni del mondo mi farei stressare ben oltre quel singolo episodio!!!!!
      Baci a te, buona giornata!!

      Elimina
  4. Descrivi talmente bene le situazioni, anche le più semplici che mi sembrava di vederti e quasi mi immedesimavo, soprattutto nel torpore nell'essere risvegliati da una lettura intensa e nei dubbi che ci attanagliano anche quando siamo sicure. I paccheri sono molto invitanti e un'idea diversa dalle solite che propongo alla famiglia. Buon w.end cara Luna. Un abbraccio e speriamo che sia wonderful.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei sempre speciale!
      baci e abbracci stritolanti a profusione

      Elimina
  5. A parte il racconto delizioso mi rivanga ricordi di domande in dialetto stiriano andando io a Vienna e pur conoscendo molto bene la lingua non ci ho capito un acca e quindi per non fare la figura....le risposi in inglese e quindi me la sono cavata con un no understand.....
    Questa ricetta è una libidine e scusa se divago come al solito...mi ricordo di una cerna pescata grande quando ho soggiornato all'Isola di Levanzo, cotta nel pane nel forno del panettiere dell'isola non c'erano altre possibilità. Una libidine anche se essendo grande era un pò grassa....purtroppo cernia solo surgelata e da mari molto lontani non hanno lo stesso sapore ma vedrò di arrangiarmi...
    Buona fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh come hai ragione cara edvige!! mangiare un piatto di pesce direttamente nell'isola di levanzo ha certamente un sapore indescrivibile e ben diverso da quello che arriva sui nostri piatti!!!
      Immagino quella cernia cotta nel forno a legna del panettiere...e sogno ad occhi aperti!!!!
      Grazie bella, tanti bacioni enormi e una buonissima giornata!

      Elimina
  6. quanto mi sono divertita a leggerti!!!
    mi sembrava di essere lì con te!! mi piace troppo come scrivi...che ne pensi di mettere un libro in cantiere?! sarebbe bellissimo!! pensaci...o ci stai già pensando? o lo hai scritto e non ne so niente, visto che scrivi così bene magari per i libri usi uno pseudonimo?!
    e passando alla ricetta, me tocca fa pure questa!! quanto è buona e sono proprio le tue foto a raccontare tanta bontà!
    baciottiiiii!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oddio magari chiarè!!!!!!!!! Scrivere e magari pure riuscire a vivere di scrittura: sarebbe un sogno!!!!
      No, macchè: il mio libro è il blog (e qualche chilata di block notes sparsa in giro per casa...), sono una grafomane inguaribile ma ti ringrazio tanto della fiducia, delle parole bellissime, dell'apprezzamento: sei proprio speciale cara mia!
      e io ti mando una valanga di baci!!!!

      Elimina
  7. Ahahahahaha....come mi è nota questa scena, quante volte l'ho vissuta!!!
    Sai che un po'mi manca la vita della pendorale pazza??? Torneranno anche quei tempi;-)

    Tesora ma tu sei informata sul latte artificiale????

    Un kiss

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No fede, purtroppo non ne so nulla perchè di solito subentro verso i 5-6 mesi di età del bimbo e quindi quando si va già di pappe e piccole introduzioni progressive di nuovi alimenti (ora con la bimba attuale siamo alla fase dei legumi, ma siccome è una gran mangiona, qualsiasi novità la accoglie con una piccola, trascurabilissima smorfietta iniziale e poi solo grandi mugugni di apprezzamento e soddisfazione!!)
      ma del latte artificiale non so proprio cosa dirti, mi spiace!
      Ci credo che ti manca la vita del pendolare perchè è così: prima smadonni e ti arrabbi tanto, ma quando sei lontana dal treno e da tutte le sue stranezze per tanto tempo, inizia a mancarti. soprattutto per tutti i siparietti e le gag gratuite che offre!!!
      Ti mando baci e poi coccole a profusione per quel pacioccone meraviglioso!

      Elimina

Grazie della visita, lascia un segno del tuo passaggio, sarò felice di risponderti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...