"A casa non s'arriva mai, ma dove confluiscono vie amiche, il mondo per un istante sembra casa nostra" (H.Hesse)

lunedì 5 febbraio 2018

Esempi – Biscotti Grancereale…alcolici


Siamo passati dall’esitazione alla certezza assoluta.
Dall’essere una semplice presenza all’incarnare il simbolo della rinascita, del riscatto, della forza di volontà.
Dalla sciatteria alla consapevolezza di sé.
Dalla tuta ai leggins.
Dalle magliette accollate a maniche lunghe alle mezze maniche con audaci scolli a (mezza) V.
Dalle retrovie alle postazioni proprio davanti allo specchio.
A tiro di istruttore.
Che tanto di prima mattina, in confronto all’immagine del viso per buona parte solcato dal segno del cuscino, dei capelli arruffati che Mocio Vileda scansate proprio, dei calzini puntualmente con l’elastico lento (e va già molto bene che non siano spaiati), in confronto a tutto ciò, dicevo, i suoi rimbrotti sono acqua fresca.
Ma ormai padroneggio attrezzi, posizioni, termini astrusi, sequenze di esercizi e capisco perfino da sola quando inspirare e quando invece buttare fuori l’aria.
Non rimango più in apnea per tutta l’ora rischiando ogni volta la morte.
Non mi impiccio più fra braccia, gambe, prove di equilibrio su un piede solo e affondi vari, rovinando ogni volta sul tatami non prima di essermi elegantemente attorcigliata.
Non amoreggio più sfacciatamente con l’orologio tenendo gli occhi fissi su di lui per vedere quanto manca alla fine dell’ora. Anche perché adesso, specie durante il circuito, c’è un comodo timer sonoro che di due minuti in due minuti ci traghetta allegramente verso la fine della tortura, scandendo il tempo da dedicare a ogni singolo esercizio. E così anche il passare mesto dell’ora.
Che tutto finisce, prima o poi. 
Anche la sequenza di addominali.
Certo non che la palestra ora sia diventata il mio passatempo preferito.
Rimane pur sempre un sacrificio improbo cui, incomprensibilmente, continuo ad immolarmi contando fiduciosamente su tutto ciò che di buono apporterebbe, ma rimpiangendo tutto ciò che di assai più interessante e bello potrei fare in quelle 4-5 ore settimanali che le dedico.
E perciò continuo a scegliere i pesetti da 2 kg anziché azzardare chessò, con quelli da 3! Ma solo perché si abbinano perfettamente alle mie magliette prevalentemente di colore viola.
E molto spesso anche allo smalto, della medesima, adorata nuance.
Continuo ad odiare i sacchetti pieni di sabbia che sono un po’ come i pesetti ma servono per evoluzioni più ardite, per il semplice fatto che sono scomodi da afferrare e richiedono l’obolo di un paio d’unghie spezzate ogni volta.
È solo questione di saperlo prima, dopotutto. Basterebbe un avviso in bacheca e una evita di farsi la manicure sapendo che il giorno dopo, a funzionale, si useranno i sacchetti.
Certo continuo imperterrita ad arrivare in ritardo alle lezioni.
Per lo più a fine riscaldamento, con la colazione ancora sullo stomaco e il bisogno, supportato da un reverenziale timore, di guardarmi fugacemente allo specchio per sincerarmi di non aver dimenticato niente.
Per esempio di essermi tolta le ciabatte cuoriciose e aver indossato le scarpe da ginnastica.
Ma poi mi dico che è già un miracolo se sono lì.
Pronta a iniziare, anche se gli altri da mo’ che hanno iniziato.
Eppure io la sveglia continuo a puntarla alle 7.
Manca da correggere giusto il fatto che poi non mi alzo prima delle 8.
E quando poi mi decido a farlo è solo per altissimo senso del dovere.
Eppure ho affinato tecniche nuovissime e raffinate di schizzamento fulmineo fuori dal letto. Lavaggio di denti con una mano, vestizione con l’altra. Colazione con un occhio, mascara passato sull’altro.
E insomma le cose in palestra non vanno così male.
Cinque giorni su cinque magari non riesco a farli proprio tutte le settimane, ma meno di quattro mai.
Con molta costanza.
Tanta buona volontà.
Infinito impegno.
Devono essersene accorte anche le mie compagne di corso che ormai mi vedono fare flessioni, piegamenti, squat senza (quasi) mollare mai.
Prendendomi addirittura a modello, senza nemmeno bisogno di prestare troppa attenzione alle spiegazioni dell’istruttore.
Si girando verso di me, osservano, poi, con calma, decidono:
 “famme ‘n po’ vedè: ah vabbè, se ‘o fa’ lei vordì che ‘o posso fa’ pure io
E considerando che a dirlo sono le solite ultrasettantenni, la soddisfazione, signore mie, è ancora più grande.


@@@@@@@@@@@@@


Questi biscotti vanno a ruba. Somigliano moltissimo agli originali reperibili in commercio: quelli con frutta secca o uvetta oppure gocce di cioccolato. Ma se deciderete di farli potrete dar sfogo alla fantasia: l’uvetta si può sostituire con gocce di cioccolato; le nocciole con qualsiasi altro tipo di frutta secca; il liquore con latte (anche vegetale) o semplicemente acqua (come nella ricetta originale che ho preso qui).
Rustici, corposi, assolutamente irresistibili. E senza uova, senza burro, senza lattosio…..serve sapere altro per correre a provarli?

Ingredienti (per 20 biscotti)
200 g farina integrale di farro macinata a pietra
50 g zucchero di canna
2 cucchiai miele
80 g olio di riso
40 g nocciole tostate
40 g uvetta
100 g fiocchi d'avena piccoli
2 cucchiaini di lievito per dolci
Liquore Moretta (o altro) q.b.

Procedimento
Innanzitutto mettere l’uvetta a reidratarsi immersa in un bicchierino di liquore per una ventina di minuti. Riunire in una ciotola la farina, lo zucchero di canna, i fiocchi di avena, le nocciole tritate.
Unire l’uvetta scolata sommariamente (ma non buttare via il liquore!), il miele e l’olio, mescolando bene per far amalgamare tutti gli ingredienti.
A questo punto unire progressivamente il liquore in cui è stata fatta ammollare l’uvetta, fino a ottenere un composto sodo e compatto. Qualora si fosse ecceduto e l’impasto risultasse troppo molle, aggiungere ancora fiocchi di avena o farina fino a ottenere la consistenza giusta.
Sistemare il panetto fra due fogli di carta forno e stenderlo con il matterello in una sfoglia non troppo sottile. Ricavare i biscotti con un tagliapasta o un bicchiere rovesciato e disporli su una placca ricoperta di carta forno.
Cuocere in forno preriscaldato a 180° per circa 15-18 minuti, secondo il forno.
Farli raffreddare completamente prima di assaggiarli!



11 commenti:

  1. Ciao carissima!!! Sono più o meno tornata.... diciamo che piano piano sto tornando ai fornelli grazie ad una cara amica che mi fa compagnia nel nuovo blog... Io ammiro la tua forza di volontà, sei una forza della natura... e non solo per la palestra (a me dovrebbero chiudermici dentro buttando la chiave)!! Questi biscotti devono essere una favola... la nota alcolica poi è un jolly!!! Baci e buon pomeriggio (Eyra)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa immagine mi piace: chiusa in palestra con la chiave buttata via...ahaha è quello che ci vorrebbe anche a me!! Perché si ci vado ma niente: anche dopo svariati anni ancora non ci ho fatto il callo ed è sempre una fatica immensa! Ci vediamo da te, da voi!
      Tanti baci

      Elimina
  2. ahahah...la tua ironia è troppo forte! Cmq io ti ammiro perchè la costanza nell'attività fisica la metto ma in palestra proprio non riesco ad entrarci in sintonia e ti assicuro che c'ho provato! Quindi chapeau!
    Questi biscotti mi hanno fatto venire gli occhi a cuoricino (come le tue ciabatte!) e sicuramente saranno nel barattolo della colazione molto presto ^_*
    Buon inizio settimana <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah guarda, in sintonia con la palestra non sono mai entrata nemmeno io! Ci vado trascinata dal senso del dovere e dalla mia schiena che reclama: nulla di più!
      Buon fine settimana a voi Consu, bacioni a tutti e tre❤

      Elimina
  3. ahah in palestra non sono mai andato e forse mai ci andrò, anche se la schiena mi richiede esercizi quotidiani che ho preso l'abitudine di fare a casa al mattino presto. Sono riuscito a farli entrare nella routine, diciamo così. Per questo apprezzo ancora di più chi almeno ci va :-)
    Quel tipo di biscotti li adoro! Farseli in casa è una vera figata! Lì non avrei difficoltà a fare quell'esercizio che consiste nel prenderli e portarli alla bocca, seguito da intensa masticazione. Che anche quei muscoli vanno allenati, no?

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E invece pensa per me vale esattamente il contrario, Fabio: pur conoscendo bene tutto gli esercizi DI posturale ormai sarebbe auspicabile che me li facessi anche (o addirittura esclusivamente) da sola a casa, invece sono talmente pigra chese non costretta non mi ci metto proprio. Ecco perché continuo ad andare in palestra! Perciò per me ci vuole più forza DI volontà e costanza a fare quello che fai tu. Quanto all'allenamento dei muscoli della masticazione, scherzi? Hnecessitano di allenamento costante è intensissssimo!
      Buon fine settimana!

      Elimina
  4. Io ti invidio da morire , non solo perché ogni mese mi ripropongo di iscrivermi in palestra e poi rimando a quello dopo , ma anche perché adoro i Grancereali . Se poi me li fai vedere pure alcolici, mi tocca provarli di sicuro !!!!!!! Tanti baci Luna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per i grancereale non ci sarebbero problemi: te ne offrirei volentieri una catasta. Quanto alla spinta a iscriverti in palestra non posso proprio esserti di aiuto perché nonostante rinnovi l iscrizione ogni mese peraltro con la formula"open" che mi consentirebbe libero accesso a tutti i corsi, nemmeno io so come e perché accada. Semplicemente mi ritrovo lì, trascinata per i capelli da me medesima...
      Tanti baci Lisetta bella

      Elimina
  5. Ma che bontà, ottimi da sgranocchiare a tutte le ore!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Sí a noi sono piaciuti moltissimo!
      Buona domenica

      Elimina
  6. Brava perservare.... pensami io ultra 70enne vado due volte lla settimana in piscina a macinarmi 1 km a nuoto senza interruzioni a stomaco digiuno salvo un caffè altrimenti mi torna indietro.... pensiamoci a vicenda dai.... che c'è la fai :D
    Grancereale piacciono a mariti..no anche a me ma non digerisco bene i cereali e ... mettermi a farli solo per lui... NO sono pigra :D :D
    Ciao bella un abbraccio.

    RispondiElimina

Grazie della visita, lascia un segno del tuo passaggio, sarò felice di risponderti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...