"A casa non s'arriva mai, ma dove confluiscono vie amiche, il mondo per un istante sembra casa nostra" (H.Hesse)

martedì 19 aprile 2016

Incredibile - Biscotti di Quinoa (senza lattosio, senza lievito)


È passato in sordina, senza clamori né fanfare né proclami.
Ma ha compiuto un anno esatto.
Anzi, al momento attuale: un anno, un mese e 6 giorni, per la precisione.
Dopo un addio sofferto, combattuto, travagliato.
Dal giorno alla notte, per paura di ripensarci.
Per non voltarmi indietro e tornare sui miei passi.
Uno strattone unico, una botta in testa, un colpo allo stomaco.
Perché (…perché?) quando decido una cosa la faccio e basta.
L’ultimo caffé aveva il sapore amarissimo di tutto il pathos di quell’addio.
Eppure io lo prendevo proprio così: amaro.
Questo non significa che abbia smesso di amarlo alla follia.
O che mi sia abituata, rassegnata, fatta una ragione.
Ma ci sono certi amori incompatibili, irrealizzabili, destinati a rimanere platonici.
È stato bello finché è durato.
Bellissimo.
Quell’aroma intenso, quell’effluvio che significava:buongiorno, ma anche buon pomeriggio, datti una mossa, buonanotte, buona digestione, vieni qua che ti abbraccio.
Il caffé per me era tutto questo: una coccola, un momento di riflessione, uno scambio di idee, una pausa, un sospiro di sollievo, un attimo tutto mio, una sferzata di energia, perfino un augurio di sogni bellissimi.
Che a me non ha mai agitato o  impedito di dormire, pure preso la sera.
Ecco, quell’amore è sempre lì: vivo e pulsante come non mai.
Nemmeno lontanamente compensato dalla vaga sopportazione di quella ciofeca dell’orzo solubile.
O del caffé di cicoria (eh già).
Solo che adesso è un amore esclusivamente platonico.
Fatto di profonde sniffate, grandi afflati, infiniti sospiri.
Ricordi indelebili sul filo della commozione.
E no, nemmeno io avrei mai pensato di esserne capace, di poter fare a meno di lui.
Ma c’è un filo di masochismo in questa idea, dopotutto, di riconquistata libertà…
Che fosse stato per me avrei continuato felicemente a essere prigioniera/schiava/irrecuperabile seguace di quella bella abitudine.
Quindi oggi, signori, sono quattrocentodue giorni che non bevo un caffè.
Che sia messo agli atti. 
E se ne tenga conto nel caso si avvisti una col naso all’insu e principi di svenimento aggrappata alla vetrina di Castroni.



@@@@@@@@@@


La sperimentazione di questi biscotti è di due settimane fa. Lo scorso fine settimana infatti ne abbiamo sfornati altri, perché sì, da che non potevo nemmeno pensare di potermi mettere lì a confezionare biscotti a che mi ritrovo a sperimentarne un tipo diverso ogni settimana. Perché fare colazione sempre nello stesso modo, senza più la rassicurante routine della tazzina di caffè (attorno a cui tutto ruotava), non mi appaga.
Allora cambio, provo, sperimento, scopro….e la quinoa è stata proprio una gran bella scoperta!
N.B.: va risciacquata molto bene prima di utilizzarla per eliminare eventuali residui naturali di saponina che la rivestono rendendola amara.


Ingredienti (per circa 20 biscotti)
75 gr di semi di quinoa
180 gr di farina di riso
150 ml di latte di avena (o di riso/farro/mandorla: quello che avete in casa)
90 gr di zucchero di canna
2 cucchiai di olio di semi
1 cucchiaio di succo di limone
1 uovo
I semini di una bacca di vaniglia
La buccia grattugiata di un limone bio


Procedimento
Raccogliere la quinoa in un colino a maglie strette e sciacquarla abbondantemente sotto l’acqua corrente fino a quando non cesserà di fare schiuma. Metterla in un pentolino insieme a latte, vaniglia e scorza di limone, quindi portarla a ebollizione e lasciarla cuocere, mescolando ogni tanto, per una decina di minuti, fino a quando il latte sarà completamente assorbito.
Disporla in una ciotola e lasciarla raffreddare. Aggiungere l’uovo e lo zucchero, poi l’olio, il succo del limone e progressivamente la farina, impastando bene. Prelevare piccole porzioni di impasto, disporle su una teglia ricoperta di carta forno e cuocere a 180° (preriscaldato) per circa 20 minuti.




21 commenti:

  1. Ma non ho mai capito però.. non bevi più caffè perchè??? comunque.. ottime le tue sperimentazioni.. li vorrei assaggiare questi biscottini.. devono essere deliziosi.. Provai la farina di quinoa una volta e il risultato non mi dispiacque affatto.. Un abbraccio :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho eliminato il caffè perché sto facendo una cura omeopatica hahnemanniana che non è tanto una cura a tempo determinato ma un cambiamento radicale di stile di vita. Il caffè, come il cioccolato o il tè sono sostanze stimolanti che cambiano la risposta del fisico, specie in faae di cura. Io, dopo un anno, sono solo agli inizi e per il momento è preferibile rigarre dritti! Ma mentre ho fatto qualche sgarro con il cioccolato, non ho mai più ripreso il caffè perché uno solo, in una sporadica occasione, non mi basterebbe allora preferisco niente e darci un taglio netto.
      Grazie claudietta, un bacione!

      Elimina
  2. aahhhh!! il turbine dei biscotti... so di cosa parli ^_^
    l'elenco di quelli da provare si allunga con questi, la quinoa mi piace ma dolce non l'ho mai provata... come sempre, appena li faccio, ti dico
    baci!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci conto Vale! Al parere tuo ma sopratuttoa quello della gnoma, giudice severissimo, integerrimo e incorruttibile tengo moltissimo! La biscotti mania continua...
      Tanti baci a voi!!!!

      Elimina
  3. No, io non potrei mai svegliarmi senza il gorgoglio della moka. Ma poi, perché questa drastica decisione ? Adoro i tuoi biscotti e finalmente un'idea come si deve, per usare il mio bistrattato sacchettino di quinoa. Bacioni Luna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dico Lisetta: anche io non lo avrei mai creduto possibile, per quanto amo il caffè. Poi però l ho fatto e ho preferito troncare di netto, per evitare strascichi dolorosi e possibili ripensamenti. L ho fatto perché questa cura che spiegano a Claudia qua sopra lo prevede e siccome io quando mi butto in una cosa lo faccio con tutte le scarpe, ho preso alla lettera e molto seriamente tutti i risvolti che comporta. L omeopata prima ancora di orescrivermi la cura, un anno fa, mi ha dato un foglietto con le linee guida di quella che sarebbe dovuta essere la mia alimentazione da allora in poi. E io l ho applicata seguendola pedissequamente, solo con qualche sgarro ogni tanto ( sul cioccolato!!). Però ecco al caffè ho preferito dare un addio definitivo piuttosto che rinnovare la nostalgia solo una tantum!
      Anche il mio sacchettino di quinoa è stato a lungo relegato in un angolino e criticato pesantemente dall amato bene prima di trovare impiego in questi biscotti ee..prendersi la sua rivincita!
      Bacioni a te mia cara Lisetta.

      Elimina
  4. Ti ammiro..io proprio al caffè non posso rinunciare! L'ho lasciato solo al rito della colazione ma guai a chi me lo tocca!!!
    Questi biscotti sono davvero da provare, amo la quinoa ma ancora non ho azzardato a metterla nei dolci :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece non l ho mai ancora provata in versione salata... Sono partita direttamente dal dolce! Grazie Consu un bacione!

      Elimina
  5. Non toglietemi il caffè o divento cattiva;) questi biscotti mi tentano molto, sono nel regno della quinoa e mi tocca provarli ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ma infatti: se non li provi tu che sei circondata di quinoa?! Dai! E poi fa!mi sapere!!

      Elimina
  6. Anche io ho dovuto ridurre (quasi eliminare) il caffè e per fortuna sono riuscita a superare il "trauma" senza troppa fatica! Certo che se continui a sperimentare queste bontà la lista dei tuoi biscotti che devo provare si allunga sempre di più... Quelli al limone sono sul podio ma questi forse mi incuriosiscono ancora di più!!! Baci e buona giornata :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche questo saqnno di limone, però la consistenza è davvero nuova e molto piacevole! Io il trauma devo ancora superarlo...
      Bacione a te e buon weekend!!

      Elimina
  7. Luna, voglio farti i complimenti per l'ennesima volta (sono ripetitiva, lo so)...perchè questo post è meraviglioso, pura poesia. E io mi nutro anche di quella :-)
    Per quanto riguarda il caffè, anche io ho dovuto eliminarlo e(ahimè) ora bevo quello di cicoria, buono ma non è il caffè! Intenso, amaro (anche io lo bevevo amaro), aromatico...mmm che nostalgia! Però confesso che non ho contato i giorni! E che un ciambellone al caffè l'ho preparato giorni fa e quindi ho fatto una piccola eccezione alla regola ;-) I biscottini sono uno spettacolo! Appena ricompro la quinoa, li preparo, promesso! Un abbraccio grandissimo! Leti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh un piccolo strappo si può fare! Io perché ho troppa nostalgia e per il momento preferisco tenermene proprio alla larga, però magari più avanti...almeno un tiramisù me lo concederò!! Grazie dei complimenti, se sempre molto carina. Se li provi fammi sapere cosa ne pensi!!
      Abbracci stritolosi a te!!

      Elimina
  8. Io anche non lo prendo più (se non raramente) perché mi dà dei problemi, ma capisco che farne a meno, se è già un'abitudine consolidata, non è facile. Io ho sempre preferito buttarmi su altro, quindi rinuncia relativa.
    I biscotti di quinoa sono davvero una scoperta. Hanno una bellissima consistenza.

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La consistenza infatti è quella che mi ha conquistata prima! Poi non avendo mai mangiato la quinoa ancora di più! Quanto al caffè: a me non dava nemmeno problemi!!!!! Quella è la beffa. L ho tolto solo ai fini di questa cura omeopatica che lo esclude del tutto. Quindi, alla fine, una scelta personale come quella di abbracciare questa strada. Poi io ci rido e ci scherzo su, ma nessuno naturalmente mi ha obbligato a toglierlo. Diciamo che è un consiglio spassionato affinché la cura sia più efficace.
      Grazie Fabio un abbraccio a voi e buon lungo weekend!

      Elimina
  9. Ciaoo bravissima conosco l'omeopatia di cui Hanneman nè è diciamo il padre. L'omeopatia chiamata cosi.. ha varie branchie....io mi curo solo con l'omeopatia da anni ma non ho cure restrittive perchè comunque 15 anni fa ho dovuto cambiare parecchio...
    Buoni questi biscotti un abbraccio e buona fine settimana.

    RispondiElimina
  10. Ciao avevo lasciato un comment...è sparito?? Ariciaoooo si vede mio pc un disaster :(

    RispondiElimina
  11. A parte il messaggio....ecc. qui il mio commento devo aver combinato qualcosa :( comunque volevo dirti che dopo l'infartino a 58 anni sono passati 15 da 11-12 caffè al giorno mi hanno detto per i primi tempi niente poi 1 al giorno buono il resto mi sono abituata ai deca. e qualche volta all'orzo che però ormai mi rifiuto di berlo. Ciaoooo buona giornata.

    RispondiElimina
  12. Carissima Luna,
    come stai? Sono passati...anni? Ma appena tornata al blog ho pensato a te. Proprio in questo momento ho dei biscotti che stanno cuocendo in forno e proprio mentre mi chiedevo "chissà cosa bolle nella cucina di Pizza e Fichi?" ho visto la tua ricetta di biscotti (che ti ruberò, ovviamente).
    Spero che tu stia bene, un abbraccio grande.
    Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaooooo!!! Quanto sono contenta di rileggerlo!! È sei tornata cal blog già da qualche giorno come ho potuto vedere da unba sbirciata veloice che approfondiró non appena possibile( ora sto andando al lavoro)! Io tutto ok. Grazie di essere passata mi ha fatto proprio tanto, tantissimo piacere rileggerti. A presto, ti abbraccio forte!

      Elimina

Grazie della visita, lascia un segno del tuo passaggio, sarò felice di risponderti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...