"A casa non s'arriva mai, ma dove confluiscono vie amiche, il mondo per un istante sembra casa nostra" (H.Hesse)

lunedì 9 maggio 2011

Vicoli, musica, colori, arabeschi…e un velo di malinconia che attraversa ogni cosa: Siviglia la sfarzosa

Alla fine siamo riusciti. E con appena un paio d’ore di ritardo che, di fronte alla prospettiva di una partenza, sono davvero niente. E pazienza che piovesse a dirotto anche una volta giunti a destinazione, o che il bus che collega l’aeroporto alla città fosse appena partito e ci è toccato aspettare quello successivo...anche questo, alla fine, fa parte del gioco e in fondo è divertente. Come il fatto di arrivare in albergo e lasciare i bagagli per correre dritti a mangiare, alle 11 di sera, scoprendo così di essere a due passi dal Barrio de Santa Cruz,
il cuore della città, giusto un passaggio veloce attraverso i bellissimi giardini Murillo, per poi trovarci catapultati tra vicoli e vicoletti, seduti in uno dei tanti posticini dove con quattro soldi mangi e tuffarci così immediatamente nell’atmosfera andalusa con un fantasioso assortimento di tapas
Ho sempre desiderato visitare Siviglia nel periodo della Settimana Santa per assistere alle sue famose processioni ma poi, anche il fatto di aver  potuto vedere in passato quelle di Madrid e di Barcellona, non ci ha fatto per nulla rimpiangere la fortuna di essere capitati in un altro momento molto particolare dell’anno. Sicuramente dai contenuti meno alti, ma anch’esso decisamente carico di suggestioni. Era infatti, quella appena passata, la settimana della Feria de Abril, una sorta di carnevale nostrano imperniato però sul tema del flamenco e dei suoi abiti sontuosi, in cui tutte le signore,
ma proprio tutte,
dalle più grandi
alle più piccine,














si travestono, con estrema cura dei dettagli:
dalle calzature apposite
ai ventagli sfavillanti
 e sfilano per la città a piedi
oppure a bordo di scenografiche carrozze,
Tutte nell’unica direzione del grande spazio riservato alla feria.
Chi se lo può permettere dà fondo a ogni risparmio pur di allestire la propria “caseta”
dove invita amici e parenti per nottate di mangiate, bevute e soprattutto balli sfrenati.
Sbirciare dentro ognuna è quasi inevitabile, data la ricchezza e la varietà degli arredi che ciascuno sceglie in una sorta di gara alla più bella e accogliente.
I meno fortunati non rinunciano a vestirsi di tutto punto e si accontentano di guadagnarsi uno spazio all’aperto,
 portando bibite e viveri e ballando sulla terra battuta al ritmo della musica più varia proveniente da ogni dove.
In questo periodo di festa Siviglia è soprattutto colore e musica, salvo poi svelare i suoi angoli più veri e nascosti,
solo spingendosi dentro un qualsiasi portone
O addentrandosi nei meandri della fortezza dell’Alcazar,
fatta di labirintici giardini
e sorprendenti giochi d’acqua
Ma Siviglia è anche la maestosità, colorata e luccicante, della fiabesca Plaza de Espana
O il contrasto cromatico dell’inquietante Plaza de Toros, ammantata di un intenso giallo ocra intervallato solo da due strisce continue di rosso sangue.
Piccola, raccolta, sfarzosa, esagerata nella strettezza dei vicoli colorati del Barrio o nella minuziosità dei particolari dell’immensa cattedrale
 Siviglia si offre così, con questo aspetto apparentemente scanzonato e allegro, ma sotto sotto attraversato da quel filo di malinconia che vela ogni cosa.
Magari dato proprio da quell’eccesso, come in un curioso contrappunto, di perfezione, di sontuosità, di ricchezza di particolari.
Pungola, sollecita, avvolge e poi si lascia guardare, scrutare, studiare senza mai svelarsi appieno.
Come una bellissima e misteriosa ballerina di flamenco nascosta negli strati innumerevoli del suo abito più sontuoso e colorato.






12 commenti:

  1. Che belle foto e che bel resoconto!!! Hai copiato qualche ricettina? Ti sei comprata o un ventaglio o un paio di quelle scarpine? ;-)

    RispondiElimina
  2. Grazie per la visita e le lusinghiere parole per il nostro modesto blog, ti avevo individuata ed apprezzata attraverso Max. Mi hai fatto assaporare ed ancor più desiderare una parte di Spagna che non abbiamo visto, abbiamo fatto un magnifico viaggio di 65 giorni nel Nord/Ovest. Arrileggerci

    RispondiElimina
  3. Che bello questo tour virtuale insieme a te. Siviglia dev'essere davvero uan città meravigliosa. Mi hai fatto venir voglia di vacanze. Baci, buona settimana

    RispondiElimina
  4. ce l'hai fatta!!! :)
    bentornata!!!
    che meravigliaaaaa!!!! Siviglia!!!
    ci sono stata qualche anno fa, la base di partenza era Torremolinos e tra le varie città che abbiamo visitato c'è stata la splendida Siviglia!!!
    bellissima la fortezza!! splendida Piazza di Spagna!!!! dopo una bella passeggiata al caldo di agosto abbiamo gustato tantissime tapas!
    che bello il periodo che hai scelto per visitarla!molto caratteristico per ammirare tutta la sua bella e le sue tradizioni!
    grazie per la bellissima sognante descrizione!!!

    RispondiElimina
  5. Ci siamo fatti trasportare nel resoconto di questo tuo viaggio a Siviglia, in mezzo a quella sfilata di abiti incredibili, di case addobbate e di feste che durano tutta la notte, tutto questo ha un fascino incredibile! Anche noi abbiamo messo in lista d'attesa questo viaggio, siamo più attratti da località come Siviglia e Toledo che da Barcellona.
    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  6. ciao Luna, grazie per questo post. Mi hai fatto conoscere una città dove non sono mai stata e che, attraverso il tuo racconto dettagliato, mi ha suscitato ibteresse e curiosità. Siviglia dev'essere davvero bellissima e tu sei stata molto brava a descriverla a parole ed immagini.
    Un bacio e buona giornata

    RispondiElimina
  7. FRANCESCA: purtroppo nessuna ricettina copiata, a parte qualche idea di antipasto che ti viene per forza con tutto quello che ti propinano come "tapas" (...mancano giusto i fagioli con le cotiche, ma non escludo che sia solo questione di tempo..). Scarpe nemmeno purtroppo a causa del babaglio come al solito striminzito ma un bellissimo ventaglio lilla per la mia mamma sì!

    RITA&MIMMO: i vostri bellissimi viaggi offrono spunti davvero meravigliosi, quindi direi che sono lusingata di avervi fatto venire voglia di visitare una parte che non avete ancora visto (non l'avrei mai creduto, perchè avete girato proprio tanto! ma in effetti devo ancora studiarmi tutta la mappa delle vostre scorribande!) Grazie a voi, sono proprio contenta di aver scoperto i vostri blog!!!

    FEDERICA: che voglia di vacanze anche io, e soprattutto di mare!!!bacioni e buona settimana a te, grazie di essere passata!

    CHIARA: che bel giro hai fatto!! Sono posti in effetti da visitare in vari giorni spaziando da uno all'altro esattamente come hai fatto tu. La fortezza è la cosa che mi è piaciuta di più e poi senti, non è sembrato anche a te, in alcuni punti di trovarti in Marocco?! A noi ha dato questa impressione, a volte di essere molto simile a Rabat, altre a quel poco che abbiamo visto di Marrakech (causa un febbrone da cavallo conseguente a un'intossicazione da acqua..ma lasciamo perdere..). In ogni caso è una città davvero particolare! Grazie a te di essere passata!!

    LUCA&SABRINA: penso che la vostra attrazione per Toledo e Siviglia sia a buon diritto!Aggiungerei anche Madrid, che nella nostra personalissima classifica delle città europee visitate finora rimane la più affascinante. A me è piaciuta proprio tantissimo, è una di quelle città in cui andrei a vivere anche subito. Per carità anche Barcellona è bella, però dopo un po' a me ha stancato, ma ripeto, sono considerazioni assolutamente personali... e mi diverte pensare, quando vedo una nuova città, a come sarebbe viverci per sempre! Tanti baciotti a voi!!

    FAUSTA: grazie a te, sei sempre carina e gentile!! (ma lo sai che ora ogni volta che prendo il mio caffè con dentro l'irrinunciabile pezzetto di cioccolato penso a te?!?....che poi: prima me lo concedevo solo il sabato e la domenica, ora quasi tutti i giorni!!! non riesco a rinunciarci, la scoperta del tuo blog è stato quasi un lasciapassare a questa abitudine!!!...ma in qualche modo dovrò pur smaltire il cioccolato delle uova di pasqua, no?!) Bacioni grandi, buona giornata a te

    RispondiElimina
  8. si hai ragione!!! alcuni luoghi, angoli di Marrakech mi ricordavano le bellissime immagini di Siviglia!
    la fortezza reale a Marrakech mi ha ricordato molto la fortezza di Siviglia
    sai che noi in marocco ogni volta che ordinavamo qualcosa da bere in bar o ristoranti ( acqua rigorosamente in bottiglia super sigillata!) dicevamo sempre NO ICE :)
    ma in Brasile non era facile gustare caipirina no ice e così qualche problemino in bagno lo abbiamo dovuto sopportare :)

    RispondiElimina
  9. Ciao,Luna!Che bel reportage!Ci hai fatto viaggiare a questa citta magnifica con le tue bellissime foto!Complimenti per il tuo blog neonato!Ti seguiro con piacere!Se vuoi scoprire la cucina greca,vieni a visitarmi al mio blog(nostimia.blogspot.com)!Un forte abbraccio,cara!A presto!

    RispondiElimina
  10. Che belle immagini, e che bello assaporare una cultura nuova! Lo hai permesso anche a me che passo qui dal tuo bel blog! Un bacio!!

    RispondiElimina
  11. complimenti, un bellissimo reportage! un bacione! :)

    RispondiElimina
  12. CHIARA:purtroppo lì in Marocco, nonostante tutte le precauzioni del caso, abbiamo avuto ben altro che qualche problemino col bagno...e scoperto così nostro malgrado che l'intossicazione da acqua (con molta probabilità contratta comprando una bottiglietta solo apparentemente sigillata nella medina di Fes), è qualcosa di molto, molto più serio di quella da cibo e quindi siamo arrivati a Marrakech con 40 di febbre, costretti in albergo per i 3 giorni successivi (dopo i quali dovevamo per forza ripartire...). Inutile dire che di quella città purtroppo abbiamo visto soltanto e molto velocemnte il suk, una farmacia e un supermercato dove fare scorta di pane e biscotti...roba che nemmeno in Kenya siamo stati così male, nonostante tutti gli effetti collaterali della terapia antimalarica! Ma insomma, ormai è andata..solo che purtroppo per questo motivo del marocco non ci è rimasto un ricordo del tutto limpido e felice, nonostante certe immagini bellissime di colori e profumi indimenticabili.
    LENIA: ciao, benvenuta e grazie degli apprezzamenti!! Passerò al più presto a curiosare da te!
    SARA: grazie sempre, delle belle parole e di passare a trovarmi. Sei molto cara.
    DADA: grazie!!!! Bacioni a te!

    RispondiElimina

Grazie della visita, lascia un segno del tuo passaggio, sarò felice di risponderti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...