"A casa non s'arriva mai, ma dove confluiscono vie amiche, il mondo per un istante sembra casa nostra" (H.Hesse)

venerdì 24 febbraio 2012

Non sai cosa ti perdi!…. - Pasta patate e piselli


Ero stata chiara e categorica.
Includendo in questa inappellabile precisazione anche tutto il resto della famiglia: mamma, papà e fratello.
“A casa nostra l’aglio non si usa!”.
Adducendo a difesa di questo principio tutta una serie di ragioni incontrovertibili che spaziavano dal fattore socialità alle difficoltà digestive, passando per l’infelice fuoriuscita dell’allicina perfino (come, non lo sai??) dai pori della pelle, in caso di sudorazione abbondante.
Talmente accorata e strenua era la mia arringa che, forse anche un tantino schiantato dall’eloquio inarrestabile ogni volta che si sfiorava l’argomento, anche mio marito aveva finito per arrendersi ai fatti.
E a non mangiare più pietanze in cui ci fosse anche solo un vaghissimo sentore di aglio.
Lui, che in casa sua invece, l’aglio si spremeva con l’attrezzo apposito nel pollo o nel coniglio alla cacciatora, manco fosse una succosissima arancia. O che per condire una bruschetta lo si strofinava generosamente sul pane abbrustolito finché lo spicchio non si riduceva della metà, spargendo effluvi fino all’ultimo piano del condominio.
O, ancora, che spaghetti aglio, olio e peperoncino significava proprio 4-5 spicchi d’ aglio, un po’ d’olio e una spolverata di peperoncino.
Mi corre l’obbligo di precisare che mio marito ed io ci conosciamo (e stiamo insieme) da quasi 22 anni, pur essendo sposati solo da due.
Va da sé quindi che i gusti, le inclinazioni, le preferenze e perfino le più radicate convinzioni, in tutto questo tempo e nel corso della vita in generale possano cambiare.
Sarà pure lecito, no?
Si da il caso quindi che esattamente da qualche anno a questa parte io abbia sviluppato un amore per l’aglio che assolutamente non mi apparteneva e di cui adesso sono arrivata perfino a vantarmi.
Dapprima in sordina, mettendone uno spicchio, cautamente incamiciato, nella teglia delle patate.
Poi azzardando di triturarne uno spicchio piccolissimo nel macinato per le polpette.
Infine spaccandone due grossi spicchioni a metà nella marinata per il pollo o nel salmoriglio del pesce.
Arrivando alla mania di soppesare e studiare con cura ogni bustina di aglio dei malcapitati venditori del mercato, alla ricerca delle teste più cicciotte e succose, non sia mai detto capitino testoline raggrinzite e poco saporite.
Una cosa ancora mi manca: riuscire a strofinarlo così, a crudo sulla bruschetta, ma non dispero di cimentarmi, prima o poi, anche in questa prodezza.
Per la gioia dell’Amato bene rassegnato, dopo lungo allenamento, a fare a meno di quel sapore pungente ma dannatamente affascinante.
Fino ad arrivare al paradosso di sentirsi dire da mio fratello mentre sono faccia a faccia per montare lo stereo in macchina: “Scusami sai, ho l’alito un po’ pesante perché oggi ho cucinato io e a parte le penette all’arrabbiata, ho fatto il pollo con le patate al forno davvero con tanto aglio!”.
E affrontare così, mesto e nostalgico, pure l’affronto di sorbirsi le maledigestioni altrui, dopo essersi imposto, con un lavoro ai fianchi durato anni, di rinunciare a una bruschetta come il cielo comanda!
..fino a non sapere davvero più quale meraviglia si perde!!!


@@@@@@@@@@
Ingredienti
3 patate
mezza carota
mezza cipolla
1 costina di sedano
200 gr di piselli
2 manciatine a testa di pasta piccola (ditali, tempestine, spaghetti spezzettati, ecc)
olio extravergine di oliva
sale
pepe
peperoncino

Procedimento
In un ampio tegame far rosolare il trito di cipolla sedano e carota con un po’ di olio, quindi unire le patate tagliate a cubetti non troppo grandi e, dopo una decina di minuti, i piselli lasciando cuocere per qualche minuto ancora. Salare, pepare, rinvigorire con un pizzico di peperoncino quindi allungare il tutto con 1 litro e mezzo di acqua circa e far bollire a fuoco lento una mezzoretta. Alzare di nuovo la fiamma e buttare giù la pasta, mescolando con cura finché è cotta.





22 commenti:

  1. ahahahahaahah m'hai fatto morire dal ridere con questo post!!! Io diciamoc he con l'aglio ho un rapporto odio/amore.. vado a momenti!!! Ottima la pasta e patate.. ma con piselli in più.. dovrò provare..baci e buon w.e. :-D

    RispondiElimina
  2. Luna! hai fatto delle foto fascinosissime con quel vapore che sale dal piatto che aspetti che esca dallo schermo (in senso metaforico!!! una volta mi è successo davvero e non è stato bello) per aspirare il profumino...brava brava!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh che bello!!!! I complimenti per le foto (che di solito sono ciofeche) sono una novità assoluta! eh sì mi sono impegnata, molto in effetti...ho gironzolato un po', puntato, scattato.
      Et voilà. In pratica: na botta di "fortuna" pazzesca. ma sono così contenta!!!!
      GRAZIEEEE!!
      Un mare di bacetti! e buona settimana!!

      Elimina
  3. Con me sfondi una porta aperta: aglio, cipolle, porri, scalogni, mi piacciono tutti. La mia cucina è ricchissima di questi aromi così forti, ma tanto buoni.
    Credo di non esserne mai rimasta senza; basta avere aglio, olio e peperoncino e in un baleno è pronto un piatto gustosissimo.
    La tua pasta è molto invitante, adoro le minestre!
    Un bacione e buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh a chi lo dici Giovanna carissima: concordo sia sulle minestre che piacciono tantissimo anche a me sia sul fatto che aglio olio e peperoncino sia un piatto di assoluta bontà!
      Da quanto mi sono convertita all'aglio mi si è aperto un mondo!!!!
      Grazie, baci!

      Elimina
  4. Felice che ti sia ricreduta in materia d'aglio!! Avevo già estratto la mia Bibbia Vegetariana per elencartene tutte le proprietà!!!! Che poi a me piace da matti e non riuscirei a farne senza, anche se il mio limite è l'aglio tritato. Generalmente lo utilizzo sano e poi lo levo (crudo o cotto che sia). Anche se grattato a crudo sulla bruschettazza è una delizia. Solo recentemente ho iniziato a usarlo con le patate, venendo io da una tradizione di kartoffeln senza aglio...e devo dire che è tutta un'altra sinfonia di sapori!!

    Ma lo sai che io con la pasta e patate ho un conto in sospeso? Non sono mai riuscita a farla cremosa il giusto (uso la pentola a pressione e azzeccare la cottura a volte non è semplice). Voglio proprio ritentare con questa tua ricetta arricchita con i piselli...Ha un bellissimo aspetto!!!

    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai allora: prova e fammi sapere!!
      Poi ritira fuori la tua Bibbia vegetariana che ne ricaviamo qualche dritta da propinare a mio marito per convincerlo a riconvertirsi (..dici che mi ammazzerà prima o poi?? Lui lo adorava l'aglio!!).
      Un baciotto enorme a te, Betel: grazie!!

      Elimina
  5. l'aglio!!!!!!!!!
    non lo posso sentire neppure da lontano!!!
    per colpa mia qui in casa l'aglio è stato quasi eliminato da quasi tutte le preparazioni...ma per gli spaghetti aglio, olio e peperoncino ancora no :( e in quel caso vengo eliminata io dalla cucina e zone limotrofe!!
    qui si chiedono tutti se io sia una vampira...bianchetta lo sono...:)))
    ad esser sincera ultimamente anche io azzardo a metter una spicchiettino di aglio quando preparo le patate al forno e in qualche altra rara occasione :) ma a crudo maiiiii!!! starei male un bel pò!!!
    pensa che in sicilia ho voluto prendere un aglio locale e ho mandato Sa alla bancarella, io non mi sono neppure avvicinata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma pensa! E che aglio era, Chiarè? trattandosi della sicilia magari lo prenderò pure io!!
      No, crudo non ce la posso fare nemmeno io: sarebbe veramente troppo! Però, vista come si è evoluta la situazione non mi azzarderei a escludere di buttarmi, prima o poi, pure su quello!
      Pensa che quando mi sono sposata, i miei colleghi (di allora, che avevo un lavoro "normale"), mi hanno regalato un bouquet bellissimo in cui c'erano due fiori dell'aglio: bellissimi, a pallottina, di un tenue color lilla, ma...ci credi che il giorno dopo ho dovuto mettere il vaso sul tavolo in giardino perchè dentro casa l'odore era davvero insostenibile??
      Peccato perchè poi erano veramente belli!
      Tanti bacetti!!

      Elimina
    2. aglio rosso di Nubia
      http://www.slowfoodsciacca.it/pag_ge.asp?lingua=ita&link=110

      Elimina
  6. aglio! bellissimo il suo profumo! la pasta aglio e olio, un po' di sughetto con i pomodorini freschi, le briuschette! hai detto bene! che bontà! ma non farmelo trovare in bocca! bleach!a casa mia è bandito! lo utilizzo ma poi deve scomparire! nn sia mai capiti in un piatto! Buonissima la pèasta e patzte! non la faccio mai con i piselli! ciao cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No pure io lo tolgo e lo levo dopo un po': basta il profumo...per mangiarlo devo studiare e applicarmi ancora un po!!
      Ciao un bacione grandissimo e grazie!

      Elimina
  7. Lo sapevo che se passavo di qua oltre a trovare una bella ricetta nostrana e sempre di buon gusto mi sarei anche fatta due risate! Ti ho cercata di proposito!!! Grazie per farmi passare, anche se solo pochi minuti, in allegria!!! Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Elly! te lo ridico anche qua: mi scrivi cose bellissime che mi fanno davvero tantissimo piacere!
      Ma la simpatia è reciproca!!
      Un bacione grande!

      Elimina
  8. arrivera'anche il momento fatidico della bruschetta vedrai e sara'magico!ottimo questo piatto, cosi'rustici e sani come piacciono a me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici, Lucy??
      Allora aspetto quella magia!!
      Grazie ti mando tanti baci!

      Elimina
  9. un piatto completo ma sopratutto gustoso, di quelli che si facevano una volta :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che allora in questo caso di può indulgere al peccato di gola??
      L'articolo sul diabete devo ancora leggerlo e nel frattempo ne ho scovato un altro sul colesterolo che m,i interessa altrettanto! Me ne sono persa tanti di articoli quando ancora non conoscevo il blog!!
      Grazie Gunther, a presto!!

      Elimina
  10. Io ancora non mi lancio , coraggiosa tu!!!! Sarà che a me pure la forma dell'aglio mi mette prudenza.a pensare che c'e chi mangia le teste d'aglio sotto aceto....tremendo!!!! Kiss e buonanotte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio marito ai bei tempi!!! Ha avuto il coraggio di assaggiare uno spicchio d'aglio sottolio dopo essere stato convinto che "non sapeva di aglio" perchè ormai gli spicchi avevano rilasciato tutto il sapore all'olio.
      Dopo aver ingoiato sotto il mio sguardo schifatissimo ha confermato che lo spicchio sapeva...di mandorla!
      ma non mi ha convinta: io non l'ho assaggiato e non l'avrei fatto nemmeno sotto tortura!!
      Baci, buona notte a te!

      Elimina

Grazie della visita, lascia un segno del tuo passaggio, sarò felice di risponderti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...