"A casa non s'arriva mai, ma dove confluiscono vie amiche, il mondo per un istante sembra casa nostra" (H.Hesse)

lunedì 25 giugno 2018

Acume – Gelato veg banana e fragola (senza gelatiera)



Abbiamo una cucina piccola: lunga e stretta.
Facciamo colazione sul piccolo pianale angolare.
L’amato bene in piedi (…boh), io su un piccolo sgabello a 3 scalini che uso, alternativamente, come ausilio per sopperire alla mia scarsa altezza e, appunto, come seduta.
Quell’angolo lì è costantemente occupato: finita la colazione riapparecchio subito con tovaglioli nuovi, posate pulite e, la sera dopo cena, anche tazze e piattini lavati.
Così, tanto per A) non far perdere tempo a lui la mattina alle 5.30 ancora impastato di sonno a cercare tutti gli attrezzi; B) dare a me un’illusione di coccole e attenzioni quando, con comodo, mi sveglio un paio d’ore dopo.
Come se qualcuno si fosse alzato prima di me e avesse deciso, in completa autonomia, di farmi una sorpresa apparecchiando di tutto punto.
Una specie di amico immaginario con funzioni però di modica utilità.
Solitamente ci lascio anche il barattolo dell’orzo solubile e la scatola di latta con le fette biscottate.
L’amato bene però è un tipo preciso. E il suo inquadramento militare, come una inevitabile deformazione professionale, lo porta, ogni giorno finita la colazione, a rimettere via quel barattolo di orzo e a riporre la scatola di latta: a far sparire, cioè, ogni singola traccia del suo essere stato lì.
Così la mia illusione di coccole/amico immaginario/colazione pronta svanisce prima ancora che io la possa vivere.
Ma taccio. Che già mi bastano gli sguardi vacui di quando gli chiedo di prendermi qualcosa in un determinato punto della casa e improvvisamente ho la sensazione di condividerne lo spazio con un ospite di passaggio. Quelle volte in cui a una domanda tipo: “amore per favore mi prenderesti la farina nell’armadio a muro?” ti guarda come se gli avessi chiesto la formula della quadratura del cerchio e annaspando ti risponde con un’altra, perspicace domanda: “l’armadio a muro quale?”, incapace di distinguere fra gli unici due di cui disponiamo: uno adibito a dispensa, l’altro contenitore del suo guardaroba. Manco del mio. 
Mi voto quindi all’ “educazione” attraverso l’esempio. Rimettendo puntualmente lì ogni cosa: orzo, piattini, tazze e scatola di latta. Riapparecchiando per bene fin dal mattino, sperando che un’illuminazione improvvisa lo porti, un giorno non troppo lontano, a fare altrettanto.
Lasciando l’angolo perennemente pronto.
E insisto sul tema specialmente nel fine settimana, quando è meno stanco, più attento(?), più ricettivo (??).
Ma passano i giorni, le settimane, si alternano le stagioni.
E quando scendo io a fare colazione la scatola delle fette biscottate continua a ritrovarsi sulla mensola e il barattolo di orzo nel suo stipetto. Rimessi diligentemente a posto.
Finché, una mattina, la rivoluzione.
Un brivido di commozione prende a scorrermi sotto pelle.
Non posso credere ai miei occhi:
La scatola di latta abbandonata sul pianale.
(l’orzo al suo posto, ma una cosa alla volta…)
Ma non in un punto qualsiasi: esattamente sul piattino (pulito) che non ha seguito la tazza sporca nel lavandino.
La scena va interpretata.
Forse un rebus.
Probabilmente un messaggio in codice.
Perché proprio sul piattino?
Decido di tacere aspettando nuove mosse.
Il mattino successivo la scena si ripete: scatola di latta su piattino pulito.
Quasi un’installazione artistica.
Mi vorrà dire che stanno per finire le fette biscottate?
Che devo proprio assaggiarle perché sono fantasmagoriche e vuole condividerle con me?
Che non si possono mangiare ma lui continua a immolarsi per non dover buttare via del cibo?
Basta mi arrendo: non sono capace di decrittare il messaggio, capire la metafora, leggere fra le righe, interpretare il simbolismo.
Risolvere il rebus.
Io, misera pensatrice senza ali mi arrendo davanti all’acume di lui, fuoriclasse degli indovinelli.
Gli mando, ingoiando l’amara sconfitta, un messaggio whatsapp, chiedendogli lumi.
E la risposta non si fa attendere.
“Ma no amò, lo faccio per te: la lascio lì, che tanto l’indomani devo rifà colazione e così non la stai sempre a mette a posto e io a ritirà giù”.
In quale preciso momento di tutti questi anni ci sia arrivato, non è dato capire.

@@@@@@@@@@@


Due ingredienti (tre a voler proprio strafare dolcificandolo un po’) e un frullatore: è tutto ciò che serve per fare questo gelato.
Voglia improvvisa: oplà, si può soddisfare in men che non si dica senza bisogno di uscire a comprare una gelatiera né sentirsi minimamente in colpa visto che è senza uova, senza lattosio, senza zucchero.
Il risultato è quello di un gelato supercremoso, facilissimo da fare e davvero buono. Ho visto la ricetta qui, poi ho ridotto le dosi e l'ho adattata a quello che avevo nell'armadio a muro, quello della dispensa ;-)

Ingredienti (per due coppette)
2 banane mature
100 g di fragole
succo di mezzo limone
2 cucchiai di sciroppo d’acero (la ricetta originale prevedeva succo d’agave o malto di riso)



Procedimento
Sbucciare le banane e tagliarle a rondelle. Mondare le fragole, lavarle e tagliare anche queste a cubetti. Irrorare la frutta con il succo del limone e riporla in frigo per 4-5 ore o una notte intera.
Trascorso questo tempo versarla nel frullatore, dolcificarla eventualmente con lo sciroppo d’acero e frullarla per 3-5 minuti fino a ottenere una crema morbida e omogenea.
Distribuirla nelle coppette e decorarla a piacere con gocce di cioccolato, foglioline di menta, granella di mandorle o nocciole.

Nota:
- naturalmente, ferme restando le banane (che sono quelle che donano la consistenza cremosa), questo gelato può essere realizzato con qualsiasi altro tipo di frutta.






10 commenti:

  1. buonissimo questo gelatino !!!!!! E fighissimo tuo marito , c'è chi non ci arriva mai !!!!!! Bacioni luna bella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah tu dici meglio di niente insomma...ahahaha. Bacionia te, Lisetta cara

      Elimina
  2. Adoro il nana ice cream e nel mio freezer non mancano mai le banane frullate :-P
    Come sai sono diventata mamma da appena 9 giorni ed il tempo a disposizione è davvero molto poco ma ci tenevo a lasciarti un piccolo saluto e un augurio di felice we <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu sei fantastica, Consu! Con un cuccioletto appena nato riesci a ritagliarti del tempo per passare nel tuo e negli altri blog...meravigliosa!! Tanti bacetti a entrambi
      (non sapevo si chiamasse così, questo gelato!)

      Elimina
  3. bello mi piace tanto questa versione veg lo sciroppo d'acero ci sta benissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gunther! Più che altro è pratico e davvero molto versatile.
      Buona fine settimana!

      Elimina
  4. Almeno riesci a mangiarci su quel tavolo, mentre io non faccio in tempo a sgomberarlo dal (suo) ciarpame che, incurante del fatto che io sia con la tovaglia in mano, si riappropria del medesimo spazio per buttarci dell'altra roba incasinando di nuovo tutto: cioè io tolgo e lui mette! E la mattina, da diciotto anni, continuo a trovare in bella vista il barattolo dei biscotti che non mangio perché non mi piacciono, quindi mi sa che è meglio rassegnarsi... se in tanti anni ancora non l'ha capito che li detesto probabilmente ho perso ogni speranza! Altro che acume... :)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha, voi mi fate morire dalle risate. A me viene da ridere già solo quando vedo che lo hai taggato in qualche foto di posti belli in cui andare in viaggio e immagino il siparietto che ne nascerà di lì a poco.
      Magari in dialetto!! Siete troppo forti!
      Abbraccia te, tanti baci

      Elimina
  5. Io sono un po' uomo per queste cose, insomma non sono particolarmente sveglia.
    Lasciagli biglietti tipo post it con indicazioni chiare, tipo "non toccare" "secondo ripiano" "lascialo qui"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E alla fine mi toccherà fare proprio così....io finora avevo confidato nell intuito, ma...

      Elimina

Grazie della visita, lascia un segno del tuo passaggio, sarò felice di risponderti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...