"A casa non s'arriva mai, ma dove confluiscono vie amiche, il mondo per un istante sembra casa nostra" (H.Hesse)

martedì 5 febbraio 2019

Doveri sociali – Polpette di cavolo cappuccio



Succede proprio di rado.
Che a noi l’idea di uscire il sabato sera fa venire l’orticaria. Figuriamoci uscire con altre persone.
E figuriamoci se due di queste altre persone sono bambini piccoli.
Questo non perché siamo misantropi.
Non del tutto almeno.
Il fatto è che si sta in giro tutto il giorno e nemmeno intorno a  casa, dal momento che entrambi lavoriamo fuori città.
Tutto sommato vicino, ma pur sempre a un’ora scarsa di treno.
Io poi con i bambini ci lavoro.
Non è scortesia, ma almeno il sabato mi piacerebbe poter intavolare discorsi che vadano oltre la sorte di SuperMario nella perenne lotta contro quel rapitore di principesse che non è altro, di Bowser. O dei capricci della bambola “Fiorellino” che quel giorno di mangiare non ha proprio voluto saperne.
Mi piace occuparmi delle sorti di Mario e Fiorellino eh? Sia chiaro.
E per mia fortuna con i “miei” bambini intavolo anche discorsi di ben più alta levatura.
Ma mi piace anche stare con l’amato bene e ritagliarci un giorno, serata compresa, tutto per noi.
Che poi ci sono bambini e bambini, genitori e genitori.
Quelli che nonostante i bambini si accorgono della presenza di ospiti e li tengono in una qualche considerazione (gli ospiti, non i bambini); e i genitori di tipo B che invece entri, ti siedi, ceni, torni a casa e ti rendi conto di non aver fatto altro che sorbirti le mirabolanti imprese dei pargoli di casa fra urla e strepiti, lagne e prodezze.
È attaccati a tutte queste malinconiche considerazioni che un paio di sabati fa ci accingiamo a salire in macchina, sfidare gelo polare e minaccia di neve per recarci a ben 70 km di distanza a trovare degli amici (molto cari, ma che scientemente non vediamo da almeno 3-4 anni, giusto il tempo di far crescere i bimbetti), genitori del tipo B con prole assai scatenata, che ci hanno invitati a cena.
Siccome poi siamo masochisti fin nel midollo e nelle situazioni, anche scomode, vogliamo sguazzare con tutte le scarpe, decidiamo di partire prima per poter sfruttare proprio tutto il pomeriggio e visitare il grande centro commerciale che sorge proprio a ridosso della casa degli amici.
L’incubo inizia al momento della ricerca del parcheggio quando, al milionesimo girotondo nei sotterranei dell’Ikea per trovare un posto vedo l’amato bene accasciarsi affranto sul volante. Che c’è? –lo interrogo preoccupata.
E niente, passeremo il sabato così, in cerca di un posto che non c’è – risponde sconsolato ma drammaticamente realista. Salvo poi avere l’illuminazione di andare a parcheggiare fuori, nelle vie limitrofe.
Invocando santi e stramaledicendo l’idea riusciamo tuttavia a scovare, dopo un altro centinaio di giri, un posto a un paio di km dal centro che, essendo buoni camminatori-asociali-allergici alla folla, ci sembra il paradiso. E quasi quasi invidiamo la nostra macchinetta che se ne starà lì tranquilla senza doversi tuffare nella folla del sabato pomeriggio, almeno lei.
“ma dai, magari essendo una bella giornata, la gente ha deciso di andare fuori, sui prati, non di chiudersi in un centro commerciale”
Mi illudo io tentando di convincere anche lui.
È per questi sciocchi tentativi di mistificazione tuttavia che di lì a qualche secondo ci vediamo costretti ad affrontare una realtà ben peggiore.
Quando, senza sapere come né perché, ci ritroviamo a bordo di una scala mobile, trascinati da un fiume incontenibile. Per poi, subito dopo, prendere, senza averlo deciso, la direzione esattamente opposta a quella in cui saremmo voluti andare perché travolti da un vortice inarrestabile. Semplicemente così: sospinti dalla folla. Da un vento implacabile come manco Paolo e Francesca.
Premuti da mani, corpi, voci, ruote di passeggini negli stinchi.
Spostati da spintoni, esortati da gomitate.
In un caldo asfissiante che ci fa girare la testa.
Il tutto per la durata di un’oretta scarsa. Il tempo di scegliere delle maniglie nuove da Leroy Merlin, comprensivo anche di due momenti in cui guadagniamo l’uscita per permettere all’amato bene di fumarsi due sigarette. Su mia esortazione, che generalmente tengo molto alla sua salute, oggi però più alla mia.
Ma è con estrema nostalgia che ripensiamo al centro commerciale congestionato dalla folla quando, a metà cena dagli amici con prole scatenata, ci ritroviamo a fare il gioco del telefono senza fili per una buona mezz’ora e quello dell’anello per il resto della mestissima serata.

@@@@@@@@@@@@@@

Ingredienti (per circa 15 polpette)
Un quarto di cavolo cappuccio verde
Un quarto di cavolo cappuccio viola
3 patate medie
1 uovo
50 gr di pecorino romano
1 cuccchiaino di menta secca
Scorza grattugiata di mezzo limone
Sale
Pepe
Pangrattato (io ottenuto da pane tostato ai 5 cereali)
Olio extravergine d’oliva



Procedimento
Tagliare a striscioline il cavolo cappuccio, raccoglierlo in una ciotola capiente, lavarlo e scolarlo.
Sbucciare, lavare e tagliare a cubetti le patate. Metterle a cuocere in abbondante acqua leggermente salata e dopo una decina di minuti aggiungere anche il cavolo. Quando le patate risulteranno morbide, scolare molto bene il tutto e schiacciare con una forchetta. Quando si sarà intiepidito, aggiungere al composto l’uovo, la menta, poco sale, il pecorino e il pepe. Formare le polpette e passarle nel pangrattato. Disporle su una teglia ricoperta di carta forno, completare con un filo d’olio e infornare per una decina di minuti a 180°, più altri 5 in funzione grill.



4 commenti:

  1. Come ti capisco....sia chiaro ho avuto una figlia ed un nipote ora di 20 anni senza contare i figli di nostri amici ma, abbiamo sempre pensato meglio il caos del centro.... in compenso le polpette sono super. Preso nota quando trattasi di polpette al forno sono sempre pronta visto che l'amato fritto non posso.... Buona serata e prosecuzione di settimana.

    RispondiElimina
  2. Ah non mi parlare di famiglie bimbodipendenti, che poi pure quando hanno 18 anni i loro pargoli prendono 35 ad ogni verifica scolastica (perché 10 sarebbe riduttivo): purtroppo ne ho troppi intorno e non li ho mai sopportati! Meglio il mio figlio normalissimo che mi fa incazzare ma che porta a casa dei sani quattro :) Vado alla ricetta che è meglio va'...
    Un bacio!

    RispondiElimina
  3. Un sabato da ricordare 😱molto meglio divano, coccole e magari Netflix 😉noi con o senza prole adoriamo questi sabati sera preceduti da una golosa pizza fatta da me 😋
    Gustosa idea anche questa ricetta, assolutamente da provare!

    RispondiElimina
  4. queste potrei copiartele perchè io adoro le polpette al forno: solitamente io le faccio con ceci o lenticchie, ma potreebbe essere una buona idea per farmi mangiare i cavoli che non mi piacciono molto

    RispondiElimina

Grazie della visita, lascia un segno del tuo passaggio, sarò felice di risponderti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...