"A casa non s'arriva mai, ma dove confluiscono vie amiche, il mondo per un istante sembra casa nostra" (H.Hesse)

martedì 9 ottobre 2018

Sulla strada per Cape Town, fra pinguini e dune di sabbia



A mano a mano che ci allontaniamo da Oudtshoorn il clima si fa sempre meno torrido. Il deserto del Karoo lascia spazio alle montagne rocciose e il paesaggio cambia a ogni curva

 riacquistando colore chilometro dopo chilometro.

La temperatura si fa più mite, l’aria torna respirabile.
Swellendam è una piccola cittadina fra le più antiche del Sudafrica.
Sulla via principale si snodano diversi locali in cui è fondamentale prenotare per potersi sedere a mangiare.
Nulla di particolarmente emozionante cattura la nostra attenzione, a parte la bella Chiesa riformata olandese

 e un piccolo centro commerciale in cui ci fermiamo a  fare provviste stupendoci ancora una volta di come molti, qui in Sudafrica, sia grandi che bambini, scendano da imponenti macchinoni e vadano a fare la spesa rigorosamente…scalzi!
Il lodge in cui alloggiamo (fortunatamente per una sola notte) è gestito da una coppia di tedeschi per nulla ospitali. 

E per nostra sfortuna anche il resto della clientela è perfettamente allineato con la gestione, percui pur mangiando allo stesso tavolo con altri viaggiatori, per la prima volta da quando siamo qui ci capita di non scambiare nemmeno una parola e di non vedere l’ora di terminare la colazione e alzarci per riprendere il nostro viaggio. Peccato, perché la freddezza generale stride con i colori, il calore e l’allegria dell’arredamento africano.

Ma la mattina ci riserva una sorpresa dopo l’altra.
Innanzitutto l’incontro, bellissimo ed emozionante, con i pinguini.

Nella baia di Betty’s Bay, che per il resto è costituita da un pugno di case di villeggiatura lungo la scenografica Route 44, vive infatti una colonia di pinguini sudafricani che ha la piena esclusiva su quest’area.

 Un po’ difficile da trovare, a causa della scarsa segnaletica, quest’ area è visitabile mediante un percorso su una passerella di legno che passa accanto a coppie amoreggianti, famigliole in gita e devoti a guardia delle loro uova.

Un’area interamente dedicata a loro, dove anche la pesca è interdetta così come ogni altra attività umana.
 Per l’ingresso si paga un importo simbolico di 10 rand, equivalenti a nemmeno 1 euro, destinati alla tutela della colonia.

La passeggiata sulla passerella permette di osservarli da molto vicino e anche di assistere, impotenti, alle dure leggi della natura, quando un gabbiano punta un nido e, fra gli sguardi rassegnati di tutta la colonia, afferra un uovo, lo becca fino a  romperne il guscio e ne gusta indisturbato il contenuto.

Rientrati in macchina decidiamo di non riprendere subito la statale per raggiungere Cape Town. 

Mancano ancora un centinaio di chilometri, ma su Google Maps, mentre preparavamo il viaggio nei mesi scorsi, abbiamo visto che in questa zona si ergono dune di sabbia imponenti di cui però nemmeno la Lonely Planet parla.
Il mio previdente consorte tuttavia, mosso da curiosità, ha provveduto a stampare la mappa per raggiungerle e dopo pochi minuti fermiamo la macchina di fronte a una strada sterrata chiusa da una catena.

 La scelta è tra fare marcia indietro lasciando stare o proseguire a piedi scalando l’enorme montagna sabbiosa che troviamo alla nostra destra.

Optiamo per la seconda ipotesi, che si rivela meno agevole ma molto più divertente del previsto (avete mai provato a  scalare una duna? Per me – a parte “la cammellata” nel deserto del Sahara - è la prima volta e quando non rotolo giù sento affondare i piedi fino al ginocchio e ogni passo sembra al rallentatore).

Ma arrivati in cima, lo spettacolo ripaga di ogni fatica.

Sferzata dal vento, l’enorme distesa di sabbia bianca fa da splendido contrasto al blu dell’oceano. 

Insieme, soffiando e gorgogliando, si abbracciano e si riallontanano offrendo uno spettacolo davvero mozzafiato.
Indugiamo a lungo in questo posto paradisiaco che sembra essere solo nostro.

E ce ne stacchiamo a fatica per riprendere la marcia verso Città del Capo,
 la tappa finale del nostro viaggio on the road, non prima di aver fatto rifornimento (di carburante e di cibo)

 in un particolarissimo ed enorme “autogrill” che troviamo lungo la strada.


(QUI, l'itinerario completo del nostro secondo viaggio in Sudafrica)

3 commenti:

  1. Molto bello il dettagliato resoconto e le immagini. Ho preso due con i pinguini ed una della sabbia con l'oceano e se ok li metterò nella header del mio blog con link al tuo. Grazie in anticipo. (Mi sembra di avertelo già chiesto ma non vorrei ricordare male. Grazie e scusa se mi ripeto).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Edvige, ma figurati: sono felice che ti piacciano delle foto. Prendi pure quelle che vuoi, sono onorata di comparire nel tuo blog! Un bacione, spero tu stia meglio con la schiena

      Elimina
  2. il giorno che ho visto i pinguini a Punta Arenas in Cile ho realizzato un sogno.

    RispondiElimina

Grazie della visita, lascia un segno del tuo passaggio, sarò felice di risponderti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...