"A casa non s'arriva mai, ma dove confluiscono vie amiche, il mondo per un istante sembra casa nostra" (H.Hesse)

mercoledì 16 gennaio 2019

Senza “senza” - Torta arrotolata al pistacchio



La prima ricetta del 2019 è stata, nemmeno a dirlo, quella di un dolce.
La seconda (naturalmente) è ancora un dolce, ma di quelli senza esclusione di colpi. Che poi a pensarci bene nemmeno è vero, considerato che per esempio il burro non c’è e quindi qualche colpo lo abbiamo pure escluso!
È però un dolce spettacolare, sia per il gusto sia nell’aspetto. Apparentemente complesso da realizzare in realtà…un semplice rotolo alla nutella declinato in altro modo e alla portata perfino di un’impedita con la sac a poche, come la sottoscritta.
Che poi della sac a poche si potrebbe pure fare a meno, volendo.
Insomma: non ci sono scuse, per provarlo.
Sembra difficile ma non lo è.
Sembra lungo e arzigogolato ma per farlo ci vuole si e no un’oretta.
Sicuramente è un dolce scenografico, di quelli belli da presentare a un compleanno, quale , nella fattispecie, quello della mia mamma.
Sul web gira con il nome di Torta Nocciottella, perché fatta appunto con Nutella e nocciole. Siccome nella mia famiglia di origine mio fratello, presumibilmente rapito dagli alieni quando era ancora in fasce, la nutella non la mangia (…ebbene sì), mi è toccato sostituirla con qualcosa di altrettanto, se non maggiormente, degno. Allora ho pensato alla crema di pistacchio. E qua si apre un capitolo a  parte.
La crema di pistacchio ha un certo costo ma anche nel suo ambito se ne distinguono di più o meno buone a seconda della percentuale di pistacchio in esse contenuta. Essendo questa torta costituita da pochi ingredienti, cercatene una con una percentuale di almeno il 35-40%.
La bontà della torta vi ripagherà dell’investimento.
Reperito il prezioso bottino non vi resta che andare all’alimentari di fiducia a prendere un’ottima e freschissima ricotta di pecora, evitando come la peste quelle in vaschetta del supermercato che, oltre a sapere di plastica, sono addizionate di panna. Sempre per il discorso che gli ingredienti, questi sono: fondamentale è che, almeno, siano buonissimi.
Ah sì, poi il mascarpone. Prendete il più buono che ci sia, ovviamente.
E le uova possibilmente bio, da allevamento a terra e galline felici considerato che ce ne vorranno ben 5!
Eseguiti tutti questi  onerosi compiti, non vi resta che mettervi al lavoro!

@@@@@@@@@@@@

Qualche piccolo, ulteriore, suggerimento:
-     -  Non fate il mio stesso errore di pensare di poter preparare la base il giorno prima: dovendo arrotolarla, c’è il rischio concreto di ritrovarsi con una suola di gomma che non risponderà ai vostri comandi e addio sogni di gloria. In fondo perché si raffreddi ci vuole davvero poco tempo. Giusto quello per preparare la farcia.
-     -  Armatevi di un vassoio non troppo grande. Con le dosi indicate di seguito verrà fuori una torta piuttosto piccina, del diametro di 18-20 cm al massimo e del peso di circa 1kg (1,078 kg, la mia). Basterà per 6 persone (anche perché sviluppa in altezza), ma senza poter fare il bis.
-     -  Preparatela con sufficiente anticipo da poterla riporre in frigorifero per almeno un paio d’ore a rassodare.
-     -  La nota scenografica è assicurata anche al momento del taglio: essendo arrotolata, ogni fetta presenterà delle belle righe verticali. Più marcate se avrete usato una crema al cioccolato, un po’ sbiadite ma molto raffinate nel caso della crema al pistacchio.


Ingredienti (per 6 persone)

Per la pasta biscotto
5 uova a temperatura ambiente
70 g di zucchero semolato
50 g di farina 00
70 g di olio di girasole
Mezza bustina di vanillina
Per la farcia
250 g di ricotta di pecora
250 g di mascarpone
3-4 cucchiai di crema di pistacchi
Per decorare
100 gr di granella di pistacchi
Una decina di nocciole intere

Procedimento
Innanzitutto separare gli albumi dai tuorli, poi con l’aiuto di uno sbattitore elettrico montare a neve fermissima gli albumi, aggiungendo poco alla volta lo zucchero.
Mettere via lo sbattitore e armarsi di frusta manuale con al quale unire tuorli uno alla volta, mescolando il composto dal basso verso l’alto.
Successivamente incorporare la farina setacciata stando sempre molto attenti a non smontare il composto. Infine aggiungere l’olio di semi e la vanillina.
Versare l’ impasto su una placca ricoperta di carta da forno e cuocere a 190° per 10-15 minuti o fino a doratura. Attenzione a non cuocerla troppo altrimenti la pasta biscotto al momento di arrotolarla si spaccherà.
Una volta sfornata, lasciare raffreddare la base su una griglia (quella del forno andrà bene).
Nel frattempo preparare la farcia: in una ciotola unire la ricotta, il mascarpone e la crema di pistacchi, che comunque andrà dosata secondo i gusti, compiendo il sacrificio di assaggiarla…. Amalgamare bene tutti gli ingredienti con l’aiuto di un cucchiaio. Nel caso in cui il composto dovesse risultare troppo denso aggiungere un goccio di latte o di liquore (io ho aggiunto due cucchiai di Vov).
Riprendere la base ormai fredda e  con l’aiuto di un centimetro, tagliarla in strisce larghe 5 cm. È fondamentale che siano tutte uguali perché una volta arrotolate andranno a costituire la torta stessa che dovrà avere una superficie piatta.

Spalmare la crema sulla prima striscia e arrotolarla su se stessa stringendo un po’ . 


Disporla al centro del vassoio, quindi spalmare progressivamente le altre strisce e arrotolarle intorno alla prima, fino a esaurimento.
Ricoprire la torta così’ formata con quasi tutta la crema rimanente, lasciandone da parte giusto un po’ per la decorazione finale.


A questo punto disporre un piattino di plastica al centro della superficie della torta e decorare con la granella di pistacchi fino a coprire  bene i lati della torta e un piccolo bordo sulla superficie. 

In questo modo la parte centrale resterà pulita.


Sollevare delicatamente il piattino riempire una sac a poche con la restante crema. Formare sulla parte più esterna della superficie dei riccioli e per finire aggiungere una nocciola intera su ogni ricciolo.

Conservare in frigo fino al momento di servire.





9 commenti:

  1. L'aspetto è da urlo , gli ingredienti una bontà e le spiegazioni così dettagliate e chiare che quasi quasi mi verrebbe la tentazione di provare , nonostante io sia una mezza schiappa con i dolci . A te invece faccio davvero tanti complimenti !!!!!! Un super abbraccio Luna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lisetta, ma a dispetto delle apparenze questa torta è veramente semplice da fare è ti dirò: anche divertente!
      Coraggio, prova!! Tanti super abbracci e baci a te, bella mia

      Elimina
  2. La foto di questa torta l'avevo vista da qualche parte e salvata nella mia galleria sul pc da tanto è bella e non capivo come ottenere quegli strati "a rovescio", non sai quanto ho cercato senza trovare la soluzione, quindi GRAZIE!!!! Ora ho capito e salvo il procedimento per la prossima torta (che non sarà immediata visto l'appuntamento di oggi dal dietologo sia per me che per mio marito :) ).
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhhh allora in bocca al lupo per il controllo!! Quanto alla torta, vorrà dire che te la concederai come premio per un obiettivo raggiunto, coraggio Tati!! Un bacione grandissimo

      Elimina
  3. questa torta è proprio bella... peccato che a me non piacciano molto i pistacchi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ma quello è facilmente risolvibile: puoi usare nutella e granella di nocciole!!! Grazie fede un bacione!

      Elimina
  4. Wow ma sei stata bravissima! Avevo visto in rete questa torta ma non mi ero mai soffermata a studiare gli ingredienti ed il procedimento...fighissima! Mi sa che la provo per il compleanno di mia cognata ma noi andremo di Nutella (anche per economia!) :-P confermo che tuo fratello è un vero alieno :-P

    RispondiElimina

Grazie della visita, lascia un segno del tuo passaggio, sarò felice di risponderti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...