"A casa non s'arriva mai, ma dove confluiscono vie amiche, il mondo per un istante sembra casa nostra" (H.Hesse)

lunedì 19 dicembre 2011

Carta, nastri, forbici e scotch…- Anelletti alla marinara


Molto bene: inizia la fase più divertente di tutto il periodo.
Per la verità mi mancherebbero ancora 3 regali e nonostante siano poi nientedimeno che per le persone più vicine (mamma, papà e marito), mi ritengo già estremamente fortunata ad aver portato a termine il reperimento, su delega, di un’altra cinquantina di pensierini che spaziavano da quello che la suocera doveva fare per dei bambini a quelli di mio fratello per i miei, passando per quello del vicino di casa per l’amante (non mi sarei stupita se fosse accaduto realmente..) e via di questo passo fino a una catena così lunga e articolata che se l’avessi percorsa tutta, sono sicura, mi sarei trovata a farmi i regali da sola (..perchè è già successo!!)!
C’è stato un momento in cui ho dovuto farmi venire idee per 4 regali da destinare allo stesso bambino per conto di altrettante persone, me compresa naturalmente, ma quest’ultimo era solo un dettaglio…
E la voglia di costringere i deleganti ad alzare i tacchi e pensarci da sé, vi assicuro, s’è manifestata tante e tante volte sotto forme dalle più pacate alle più nefaste, salvo poi redimermi (perché è Natale) e portare a compimento ogni singola cosa…non per niente le persone sanno bene a chi delegare!
E dunque dicevo, dopo corse affannose, spintonate fra la gente e scervellamenti alla ricerca della cosina-carina-possibilmente-utile-e-soprattutto-che-costi-poco con cui fare in modo che il 24 ci sia un regalino per tutti (da parte di tutti) sotto l’albero, parte la trafila dell’impacchettamento!
Quella che mi fa fregare le mani tutta contenta mentre srotolo i 10 metri di carta di Ikea con Babbo Natale vestito in tanti modi.
Più che una carta natalizia, a osservarla attentamente, pare il catalogo di una sfilata di moda con la collezione di tutte e 4 stagioni le stagioni messe insieme.
E un innegabile melting pot dell’abbigliamento mondiale che spazia tra stili ed epoche disparati in una amplissima (e anche abbastanza sconclusionata) serie di possibilità.
C’è un Babbo Natale in versione orientale con ciabatte a punta e calzoni ampi; uno infagottato in un pellicciotto da eschimese; un altro avvolto in un kimono setoso con ai piedi sandali infradito di legno laccato in perfetto stile samurai (reso ancora più veritiero da un’acconciatura appositamente studiata per l’insieme, con barba perfettamente liscia, piastrata e allungata fino alla cintola…); un altro ancora in pomposi abiti da 700 veneziano con scarpe nere di vernice fermate da un grosso fibbione dorato; per terminare poi con un  Babbo Natale ornato di sombrero e poncho, messo accanto a un altro ridotto a sfoggiare, semplicemente, ciabatte da mare e canottiera a righe (che a quel punto, barba e capelli, santo cielo, gli daranno un gran caldo!).
E giuro: rimango lì almeno un quarto d’ora a rimirarmi tutti gli stili di quello strano Babbo Natale modaiolo!
….Poi la domanda prende forma: perché ho comprato quella carta?
In realtà non l’ho fatto scientemente (tento di giustificarmi, sì!): ho afferrato al volo il rotolo davanti alle casse e in quel frangente l’unica immagine che il mio occhio sia riuscita, fugacemente, a catturare era quella di un volto noto: Babbo Natale! E stop, niente altro, sicché  di come, variamente e fantasiosamente, fosse acchitato, francamente non ne ho avuto il minimo sentore.
Beh, adesso mica posso mandare sprecati 10metri di carta. Guardandola bene poi, forse non è così malaccio.
Addentando un biscottino allo zenzero per interrompere il lavoro, poi, potrebbe risultare addirittura "carina"!
No, vero: è semplicemente ORRIBILE (anche dopo 4 biscottini..)! 
Nun se po’ guardà!!
Ma, ovviamente, la spaccerò come la più chiccosa e originale carta da regalo che mi sia mai venuto in mente di comprare…
Anche perché non vorrei, manifestando una lieve perplessità a riguardo, correre il rischio di vedermi delegata pure per l’acquisto di una carta specifica e assolutamente introvabile!!
Chi altro di voi è caduto nel tranello (della carta brutta e dei regali su delega?!)

@@@@@@@@@
Una rivisitazione buonissima e originale del timballo di anelletti alla siciliana. La ricetta non è mia ma del mio papà, che l’ha preparata venerdì sera con grande gioia di tutti, scoprendo così un nuovo piatto da tenere presente, perché no, anche per il prossimo cenone della Vigilia che…eccolo, eh? È proprio dietro l’angolo ormai!
Ingredienti per 6 persone

500 gr di anelletti
1 kg e mezzo di cozze
2 calamari
½ kg di mazzancolle
Una manciata di pomodorini (o 4-5 cucchiai di passata di pomodoro)
½ bicchiere di vino bianco
4 cucchiai di Parmigiano
2 cucchiai di pangrattato
Prezzemolo
1 spicchio d’aglio
Olio extravergine d’oliva
Sale
peperoncino

Procedimento
Far aprire le cozze in una padella con abbondante acqua avendo cura di conservare e filtrare quest’ultima con un canovaccio e sgusciarle. Pulire i calamari e tagliarli a pezzetti piccoli; sbollentare appena le mazzancolle e sgusciarle. In un’ampia padella a bordi alti far rosolare il tutto con un po’ di olio, aglio e peperoncino. Aggiungere i pomodorini tagliati a metà, sfumare con il vino, alzando la fiamma e aggiungere un mestolo di acqua delle cozze filtrata.
Lessare gli anelletti per 6-7 minuti in abbondante acqua NON salata ma addizionata della restante acqua delle cozze, scolarli bene e passarli sotto un getto di acqua fredda per bloccarne la cottura, quindi disporli in un’insalatiera e condirli con un po’ di olio e 2 cucchiai di parmigiano.
Oliare una teglia (possibilmente rotonda) e spolverizzarla di pangrattato eliminando quello in eccesso. Disporvi un po’ di condimento di pesce, quindi uno strato di anelletti ormai freddi e terminare con altro pangrattato mescolato a un paio di cucchiai di parmigiano. Se il composto dovesse risultare troppo asciutto, o il condimento poco corposo, bagnare il tutto con un mestolo di brodo di pesce (ottenuto, in mancanza d’altro, facendo bollire un cucciaino di aromi per pesce insieme a un dado vegetale).
Infornare a 180° per una ventina di minuti e completare con un passaggio di 5 minuti sotto il grill.

15 commenti:

  1. Io ancora nessun regalo ho fatto.. sigh... Ottimi questi anellini sono una buona diea perla cena della Vigilia.. smack e buona settimana pre-natalizia :-)

    RispondiElimina
  2. leggerti è sempre uno spasso!!!
    starei ora a leggertii!!!!!
    ma sai che la carta mi piace!! dai non è male male, queste versioni di Babbo Natale sono proprio interessanti :))
    la fase dell'impacchettamento è quella che preferisco!!! me ne sto in casa mentre fuori impazza la corsa agli ultimi regali e io tra le mie carte alcune credo che abbiamo anche 20 anni!! e si perchè ho un debole per le carte e ogni natale vedi me che ripiego le carte di tutti e le quelle meno mal messe le metto via per il prossimo natale ( lavoretti o incarto regali..sperando che non capiti sempre la stessa carta alla stessa persona :))
    la pasta è spettacolare!!!!!!! ti invita proprio a gustarla!!! così ben condita, deliziosa!!
    segno subito, nei prossimi giorni di festa la preparerò!
    complimenti al tuo papà e grazie a te per avercela raccontata!!!
    baciii!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Me encanta, que receta más rica… tomo nota!
    También me encanta tu blog así que me quedo a seguirte!
    Besitos desde Madrid y FELICES FIESTAS!
    Nieves.
    http://igloocooking.blogspot.com

    RispondiElimina
  4. Augurandoti un buon Natale e un felice anno nuovo, invito te e i tuoi visitatori a votare i migliori film e attori del 2011.

    I MIGLIORI FILM DEL 2011

    RispondiElimina
  5. Timballino niente male!!! Le tue ricette mi fanno venire sempre l'acquolina!

    P.S. a me quella carta regalo piace troppo!!!!!

    RispondiElimina
  6. Perdona il mio materialismo, ma io più che sulla carta regalo, mi soffermo prima sul golosissimo frittino di pesce. Ecco, dopo averlo mangiato, era delizioso! passo alla carta.
    Secondo me non ti conviene sollevare la questione circa l'abbigliamento di Babbo Natale. Il rischio di doverla ricomprare è alto. Quindi, a supporto del tuo acquisto io mi lancerei su questi argomenti:
    1- la tua libertà personale di scegliere una carta regalo diversa dal solito;
    2- la liberta di chi ha disegnato la detta carta in maniera originale e creativa;
    - 3 la libertà di Babbo Natale di variare capo d'abbigliamento a seconda delle latitudini; poverino, mica può stare sempre infagottato?
    e se questi argomenti non bastassero, appellati all'ambiente: "ormai è stata fatta, e pur di non arrecare danno all'Amazzonia, l'ho comprata", la natura è sempre un argomento convincente!
    Posso avere un altro po' di frittura???
    Un bacione grande grande

    RispondiElimina
  7. Ci hai fatto sorridere!!! Carta da regalo anticonformista, l'avessimo vista probabilmente ti diciamo la verità, l'avremmo comprata proprio perchè non avevamo mai visto niente di simile! Gli anelletti invece mettono tutti d'accordo, sono troppo ma troppo buoni!
    Mille bacioni e buon Natale!!!!!!!!!
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  8. Bella ricetta e simpatico post :)
    felici feste ciao

    RispondiElimina
  9. Wow! Ma come hai fatto a trovare la carta da regalo più chiccosa e originale che possa mai venire in mente di comprare??? (Sto ridendo come una matta, tra un po' viene giù il soffitto)
    Dai, ricomponiamoci per ammirare come si deve il timballo di papà... Ma lo sai che è un piatto davvero magnifico?

    RispondiElimina
  10. Mette sempre di buonumore iniziare la giornata passando da te :) Ma povero Babbo Natale, dopo una vita con la solita divisa, avrà pur diritto di cambiare look...o no? Non sono caduta nella tentazione di afferare il rotolo nell'ultimo giro IKEA sono perchè ho già la casa invasa dalla carta da regalo ma un'ammiccata pericolosa ti assicuro che gliel'ho data!
    Mi sa che l'occhiatina a questi anellini però è ancora più pericolosa. Goduriosi?!?!? DI PIU'!
    Quel formato mi piace da matti, peccato che si trovi peggio di un ago in un pagliaio! Ma una bella sottoscrizione ai pastifici ?!?!?
    Un baciotto bella, tantissimi auguri di buone feste a te e famiglia

    RispondiElimina
  11. Boniiiiiiiiiii e non è neanche semplice trovare questo formato di pasta! Colgo l'occasione per augurarti Buone Feste! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  12. Anche tu fra regali e pacchettini! Questi giorni sono intensi di cose da ricordare fra cui i regali alle persone più vicine...anche io come te mancano i genitori e l' omo!!!sento anche profumo di mare da queste parti, bueno! Kiss e se non ci scriviamo prima ti auguri di trascorrere delle felicissime feste!

    RispondiElimina
  13. CLAUDIA: gulp! beh spero che a questo punto tu ne sia riuscita a fare qualcuno...o magari anche a finirli tutti!! Se può consolarti, io sono ancora a girovagare!! Grazie tanti baci e buoni preparativi anche a te, anche se ormai la settimana volge al termine!

    CHIARA: daiiii anche tu vai raccattando nastri coccarde e carta mentre gli altri scartano e appallottolano?? abbiamo lo stesso styrano vizio allora! Ed è una cosa bellissima perchè poi appunto ritiri fuori certe carte vecchie e ti vengono tanti ricordi! Beh io non ne ho di così vecchie...ma quelle (di 20 anni fa...che spettacolo!) non le riciclerei, me le terrei proprio come ricordo prezioso! tanti baci, grazie a te di passare sempre a leggermi!!

    NIEVES : ciao benvenuta!!...cerco di tradurre e passo a trovarti anche io!!

    AMOS GITAI: grazie mille, felici feste anche a te!

    BETELGEUSE: grazie dell'incoraggiamento. a forza di guardarla mi ci sto abituando...anche perchè ormai ricopre una miriade di pacchettini e quindi...va benissimo così! Hai ragione: è bellissima!!!!
    tanti baci, buona giornata!

    GIOVANNAAAAAAAAA: te possino!! Concordo su ogni punto che proponi come arringa in difesa della mia carta e te ne sono infinitamente grata: mi hai convinta e mi rivenderò punto per punto tutte le tue argomentazioni. ma...il fritto di pesce 'ndo sta??!!
    Vabbè che la qualità delle mie foto è pessima, vabbè che sulla luce giallognola ho ancora tanto da lavorare...ma non sono anelli di calamari...snif!! E in realtà mi hai fatto ammazzare dalle risate: l'ho raccontato pure a mio marito (per convincerlo a prestarmi la sua reflex per le foto, hai visto mai che qualcuna più decente mi riesce di farla?!!!) che ancora ride(di me, che appunto faccio ste foto!). M;a hai ragione sul fatto che questa non è una pasta molto comune e anche il suo nome, trae in inganno...ecco qui l'origine del qui pro quo. Ma un frittino di pesce de sti tempi non ci starebbe male!!!!
    tanti bacioni e buoni preparativi!!!

    lUCA&SABRINA: anche la vostra inziezione di fiducia su questa benedetta carta mi è di assoluto conforto: ma sì dai, è carina!!
    Grazie a tanti baciotti a voi 3!!

    STEFANIA: grazie mille, tantissimi auguri a te!!

    LUCIA: grazie, sarà felice il mio papà di sapere che è stato così apprezzato, ma devo dire che merita proprio: è una versione molto buona di questa pasta che io adoro! tanti baci, Lu!!!

    FEDERICA: hai ragioneeee!! Ho il tuo stesso problema: questa pasta non si trova mai da nessuna parte, tranne Castroni a Roma dove però la vendono a peso d'oro!! Ogni volta bisogna raccomandarsi a qualcuno che la porti direttamente dalla sicilia o scovare quei negozietti che, chissà perchè, miracolosamente decidono di prenderla.
    Scriviamo in gruppoo ai pastifici! sono d'accordo!!
    tanti baci fede e grazie!!

    SILVIA: grazie infinite, tantissimi auguri di buone feste anche a te!!

    FEDERICA: caspita ma allora è un "vizio" comune: genitori e l'omo! Secondo me perchè sono i regali cui si tiene di più e ci si vorrebbe dedicare con maggiore attenzione e tempo che ahimè in questo periodo scarseggia sempre!
    Auguri cari anche a te di feste serene e felici!

    RispondiElimina
  14. li sto facendo ora :)
    tantiiiiissimi baci!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. maddai veramente?!! GRZIEEEEEE, tu sei un mito! soprattutto perchè me ne rendi partecipe e questo è bellissimo!!! Ora lo dico pure a papà, sai come si gongola!!
      ti strabacio pure io!!!!!!!
      Ho letto che vieni a guidonia per il battesimo, scusa ti rispondo qua perchè stamattina non so cosa abbia questo pc e la connessione è lentissima, spero mi leggerai comunque!
      Divertiti allora e soprattutto speriamo che il tempo sia bello, poi dobbiamo assolutamente organizzare un giorno tutto per noi, per vederci senza altri impegni di sorta!!
      abbracci stritolosissimi!

      Elimina

Grazie della visita, lascia un segno del tuo passaggio, sarò felice di risponderti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...