"A casa non s'arriva mai, ma dove confluiscono vie amiche, il mondo per un istante sembra casa nostra" (H.Hesse)

martedì 28 febbraio 2012

Debutto in cucina di un artista a tutto tondo – Galletti al tegame


Domenica pasta al forno, galletti e patate. Venite e nu rompete er c….È “vostro” fratello che vi parla!”.
Questo era stato, circa sette giorni fa, l’invito ufficiale e solenne.
Certo non una partecipazione vergata con inchiostro color seppia su carta pergamena, ma a parte uno stile solo lievemente più informale e perentorio, tutto sommato non molto dissimile, nella sostanza, da uno di quei cartoncini con tanto di sigla finale R.S.V.P.
Siccome però siamo in era super tecnologica, l’invito in questione ci è giunto via sms, tutto qua.
Senza possibilità di replica né di esitazione alcuna.
E infatti noi lo abbiamo accolto rispondendo (più o meno a tono…) che sì, accettavamo di buon grado, cedendo volentieri alle lusinghe di un menu tanto articolato!
Anche se per noi la domenica è sacra e votata unicamente alla nostra microfamiglia.
 E a dormire fino a tardi senza mettere la sveglia, salutarsi con un buongiorno a voce e non lasciato su un fogliettino volante, oppure semplicemente fare due chiacchiere in santa pace senza sfrecciarsi davanti gridandosi convenevoli prima di correre in palestra o a caricare la lavatrice dopo essere rincasati ognuno con i suoi orari impossibili e inconciliabili.
Decidiamo dunque di sacrificare il nostro preziosissimo giorno di condivisione (perché pure il sabato, sì, ma ci sono la spesa settimanale e tante altre commissioni da fare) pur di presenziare al pranzo in questione.
Che di speciale ha il fatto di essere il debutto pubblico in cucina di mio fratello.

 lo sciupafemmine impenitente.
Che ha deciso, tra la colorazione di una macchina e l’assemblaggio di una moto, e  nell’attesa di trovare la donna giusta (che da qualche parte dovrà pur esistere pur essendo ancora inconsapevole di questo ruolo), di farsi insegnare da mamma e papà trucchi e segreti del mestiere per stupire in cucina.
E dopo un primo tentativo con penne all’arrabbiata, pollo e le onnipresenti patate al forno ha deciso di cimentarsi, in nostro onore, con pietanze lievemente più complesse come, appunto, la pasta al forno.
Ora. Immaginare mia madre, che di pazienza, a parte che con i bambini piccoli, ne ha veramente pochina, trascorrere del tempo a dare indicazioni su come tagliuzzare aromi o controllare la giusta cottura del sugo mi riesce un po’ difficile.
Stesso discorso per mio padre che, quanto a pazienza, ne ha ancora meno.
Trattandosi di una tara ereditaria poi, ancora più difficile trovo pensare all’allievo, notoriamente insofferente perfino a una frase lievemente più lunga del normale, nell’impazienza appunto di arrivare subito al nocciolo del discorso, mettersi lì calmo e tranquillo in ascolto.
Lui, che a un sms lungo e articolato, completo di domande e osservazioni è capace: 1) di rispondere, indifferente e noncurante, con dei semplici monosillabi “sì, no, ok”, fino allo sforzo massimo e solenne di metterci, in rarissime occasioni e in giornate di particolare loquacità, un punto esclamativo. 2) di confessarti candidamente di aver avuto la pazienza di leggerne solo la metà!!
(e se vi state chiedendo allora come abbia fatto a digitare tutti quei caratteri dell'sms di invito vi rispondo subito che buona parte lo ha fatto scrivere, sotto dettatura, a mia madre!!!!!)
Oppure che quando ti fa una domanda devi sbrigarti a rispondergli con parole secche e decise, arrivando dritto al punto perché se il discorso si prolunga oltre le 5-6 parole comincia a dare segni di insofferenza e a farti segno di stringere aprendo e chiudendo la mano!!
Quindi: banditi gli aggettivi, estromessi gli avverbi, mai sia che compaia un inciso!
Solo soggetto e predicato verbale. Secchi. Senza altri fronzoli (e in questo post a lui dedicato ho già sforato abbondantemente!).
Ma siccome i miei sono entrambi molto abili ai fornelli, e lui illuminato dal sacro fuoco di voler assolutamente imparare, l’alchimia deve essere, in un modo o nell’altro, riuscita alla perfezione.
È così che abbiamo potuto gustare una magnifica lasagna, sapientemente gratinata nello strato più superficiale con crosticina d’ordinanza

Dei tenerissimi e saporiti galletti al tegame farciti di pancetta, aglio (perché sì!) e rosmarino in abbondanza

E delle croccanti e ben rosolate patate al forno
E se questa è solo la premessa, in attesa di buttarsi anche sul ramo siciliano della famiglia, con i vari timballi di anelletti, spiedini alla palermitana e caponate, direi che siamo, decisamente, sulla strada giusta....Convenevoli e chiacchiericci a parte!!
Salute allo chef!
  
@@@@@@@@@@

 Ingredienti (per 4 persone)
2 galletti
4 fette di pancetta tesa, dolce, tagliata non troppo sottile
1 bicchiere e mezzo di vino bianco
2 spicchi d’aglio
3 rametti di rosmarino
sale
pepe

Procedimento
Salare e pepare i galletti all’interno e all’esterno, quindi farcirli con mezzo spicchio di aglio e un rametto di rosmarino ciascuno. Avvolgere intorno a ogni galletto due fette di pancetta fermandole con gli stecchini e disporli in un tegame con lo spicchio d’aglio e il rametto di rosmarino rimasti. Irrorare con olio extravergine di oliva e metterli sul fuoco a rosolare. Aggiungere il vino e portare a termine la cottura (circa 1 ora) a fuoco moderato, con il tegame semicoperto, rigirandoli di tanto in tanto.

30 commenti:

  1. Ahahaahah ma tuo fratello deve essere un personaggio!!!nel senso che mi ha fatto morire la sua descrizione!!!! Spero allora anche io che trovi presto un donna (ma vuol trovarla??? o lo status di single gli piace? che ne sai!).. Cmq complimenti allo chef.. un brindisi anche io!!! bacioni e buona giornata :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Cla: che ne so! la verità vera è che va a ME di vederlo accasato, non fosse altro che per il gusto di passare in rassegna ogni pulzella...da brava sorella gelosa e rompiscatole!!
      Lo status di single l'ha ritrovato (suo malgrado) dopo essere scampato al pericolo di accasarsi a vita con la persona evidentemente sbagliata. Proprio quando era lì lì per farlo.
      E allora penso che in effetti questo status, ora, se lo vorrà godere per un pochetto!
      Gli giro i tuoi complimenti: ne sarà felicissimo!!
      baciuzzi, buona giornata!!

      Elimina
  2. Il tuo post è veramente simpatico, complimenti al neo cuoco di famiglia, baci, baci
    M.G.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, glieli giro con molto piacere!!
      baci, buona giornata!

      Elimina
  3. Si si dormire fino a tardi è bello. Conversare in santa pace senza dover correre è fantastico. Dedicare la domenica alla microfamiglia pure.
    Però quel galletto e quelle patate, senza dimenticare le lasagne valgono bene qualche "sacrificio".
    Un bacione grande grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene: eccome se valgono il sacrificio. Poi sai, alle lasagne non si può proprio dire di no!!
      Grazie Gio, buona giornata e tanti bacetti!

      Elimina
  4. Mi hai fatto divertire tantissimo :) Beh, si concorso con Claudia, tuo fratello è un tipo forte :) :)
    Avete passato una bellissima giornata.. Stare in compagnia della famiglia è una cosa meravigliosa, soprattutto se divertente come la tua :) Ha tutto un aspetto delizioso.. Complimenti a tutti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite gegè dei bellissimi complimenti su tutto!!
      Tanti baci e buona giornata!

      Elimina
  5. wooooowwwwww!!!!!!!
    complimentissimi allo chef!!! invito a parte devo dire che ci sa proprio fare!
    che piatti! uno più buono dell'altro!! la lasagna chi non le resiste non quella crosticina, i galletti e le patate!!! le patate sono eccezionali!!
    aiutami a capire questa insofferenza ai nostri discorsi con qualche aggettivo e inciso (quasi sempre necessari:)) anche dalle mie parti ci sono insofferenti che appena mi rivolgono una domanda già sono spazientiti immaginando la mia risposta!!!
    ora che ci penso tu devi essere l'esatto contrario :))

    P.S. che profumo di lavanda :)

    RispondiElimina
  6. ah dimenticavo di dirti che anche per me la domenica non si tocca!!! niente sveglia, niente pranzo...completo relax!!
    un'altra cosa! sai da quando avevo visto la meraviglioso timballo fatto da tuo padre ( se non ricordo male) volevo farlo ma ancora non ho trovato gli anelletti :( ..continuo a cercare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari potessi aiutarti a capire Chiarè! cerco di farlo anche io ma la risposta proprio non ce l'ho!! Non capisco come si possa condensare un discorso lungo e articolato in 2-3 parole eliminando tutti quegli aggettivi e quelle perifrasi assolutamente indispensabili!!!
      Quanto agli anelletti guarda: da castroni li vendono ma te li fanno pagare a peso d'oro e non si capisce perchè! Di solito noi ce li facciamo portare direttamente dalla sicilia quando capita qualcuno oppure ti conviene spargere in giro la voce e chiedere a chiunque di dare uno sguardo nei supermercati che frequenta. per esempio di recente una cugina di mia madre (allertata sulla questione) li ha trovati in un supermercato in zona Balduina (ma non so dirti quale, dovrei informarmi) e quindi ne ha presi una decina di pacchi tutti insieme.
      Ecco, con il passaparola è più facile!
      Non so perchè non compaiono nemmeno sugli scaffali del Conad dedicati a Sapori&Dintorni. Nemmeno quando l'iniziativa è imperniata interamente sulla sicilia: trovi l'origano, il pane col sesamo, la crema di pistacchi, il pesto di finocchietto, i cannoli, la martorana ma degli anelletti nessuna traccia! Boh!!
      Una volta li ho visti in un negozio del mercato equo e solidale con il marchio di Libera terra.
      In ogni caso, data la difficoltà della ricerca, quando finalmente li troverai saranno molto, molto più buoni!!
      Baciiiiiiiiii. Buona giornata!!

      Elimina
    2. grazie per la risposta telegrafica ;)

      Elimina
  7. ciao Luna, che fortunata che sei ad avere un fratello che cucina! Io prendo per me una bella porzione di lasagna (ma quant'è appetitosa!!!) e di patatine (e queste? Non lo sono???), lasciando il galletto... che essendi "carne" non incontra molto i miei gusti. Un ottimo pranzo e non la faccio troppo lunga in onore di tuo papà ;)
    Le gaufres, se vuoi, potrai anche cuocerle come fossero pancakes.. prova (io non l'ho mai fatto, ma l'ho letto...). Un baciotto e buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proverò sicuramente: mi piacciono troppo!
      grazie mille fasutidda, dei complimenti e della dritta!
      Un bacione grande grande!

      Elimina
  8. Magari riuscire a dormire la domenica mattina, sarebbe un sogno realizzato. Ma mica tanto eh, mi basterenne anche fino alle 9...niente da fà! Che dici, provo con una sbronza?
    Beh, a parte l'invito un po' così, ci sa proprio fare il tuo fratellone ai fornelli. Sarebbe proprio un buon partito ^_^ Un bacione, buon serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh lo so: le cattive abitudini, come quella di doversi alzare presto ogni mattina, sono dure poi da abbandonare nel weekend e quando finalmente riesci a rilassarti....già è ora di tornare al lavoro!!
      Ti capisco, anche se eliminando appuntamenti, doveri e orari stabiliti, almeno per un giorno a settimana un po' di relax lo si riesce a conquistare.
      Tanti baciotti, fede e grazie dei complimenti che giro al fratellone!

      Elimina
  9. Diciamo che la sintesi di tuo fratello è bilanciata dal tuo amore per la parola!!! Mi chiedo se abbia avuto la forza e la pazienza di leggere il post che lo riguarda (secondo me si...dai, almeno spinto da curiosità!!!) Comunque complimenti allo chef, che per essere alle prime armi (e impaziente di natura!!) se l'è cavata egregiamente e con prove culinarie affatto trascurabili!!! Lasagna e galletto farcito, che a vederli mettono fame e sono solo le otto di mattina (e ho già affogato i biscotti nel latte...).

    Mi piace la tua idea di "domenica" (quante volte dico mi piace a qualcosa che leggo nel tuo blog?? tante, tante, tante!!) e la condivido pienamente. Pare invece che la domenica sia dedicata alla famiglia allargata. Io non ho questa particolare tradizione (o tendenza) da rispettare rigorosamente e faccio di ogni giorno un giorno possibile da dedicare alle cene in famiglia. La domenica ha sempre un odore speciale e il solo pensiero di dover stabilire un qualsiasi orario, che sia anche del pranzo, mi sciupa il momento!!!!

    ...Attendo ricette sicule con vivo interesse...

    Ciao Luna, un abbraccio!

    RispondiElimina
  10. P.S. dimenticavo: Nell sta benone, pare si sia ormai ambientata alla sua nuova casa!!
    E...amo le tue foto, è ufficiale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh caspita, ma questo mi fa andare veramente in brodo di giuggiole!!!! Io, che con la macchinetta fotografica ci litigo sempre a lungo, anche se poi fotografare mi piace. ma non ho metodo, nè pazienza nè nozione alcuna, perciò mi metto lì, prendo e scatto.
      Il fatto che tu apprezzi le mie foto dunque non può che inorgoglirmi oltremodo!!!
      Hai azzeccato perfettamente il concetto: stabilire qualsiasi orario o appuntamento la domenica "sciupa il momento": è esattamente così!!!
      Quanto alla domanda iniziale, se mio fratello abbia avuto la forza e la curiosità (soprattutto) di venirsi a leggere il post a lui dedicato la risposta è no! Mi ha confessato di essersene fatto leggere alcuni stralci da mio padre!!!!!!!!!!!!!!!!!!
      Tu capisci?
      ti abbraccio forte, grazie sempre!

      Elimina
  11. Ossignur me so crepata dal ridere a leggere il tuo commento nel mio blog!!! Ma te lo avevo anche scritto in una delle volte che mi nominasti sto latte di cocco.. che in questa ricetta non serviva.. Quei petti di pollo son nati proprio una sera che volevo fare il pollo al curry ma non avevo nè latte di cocco.. nè curry.. hihihihhi Allora per il latte.. va bene anche quello normale.. all'epoca usavo solo quello di soya prima di scoprire il delattosato... per la paprika.. ho utilizzato quella dolce.. :-D smackkkk

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Claudia...sti petti di pollo sono stati veramente una favola! (sia per farli, sia, letteralmente, mangiandoli per quanto erano buoni!).
      Quanto al latte di cocco, non mi sono persa d'animo e ieri pomeriggio ci ho fatto una torta!!
      Via: due piccioni con una fava!
      smackkkk a te!!!!

      Elimina
  12. ihihi! beh di poche parole ma di molte pretese..un po' come me :D odio i discorsi ke vanno per le lunghe preferisco che si arrivi subito al nocciolo, la cosa m'innervosisce, mi fa perdere tempo :D ovviamente dipende dalle questioni idem x sms.. a volte non rispondo nemmeno, preferisco una chiamata..veloce ! anche x noi la domenica è riservata alla famiglia! all'alzarsi senza limite di orario! capperi almeno una volta a settimana! :D bla bla bla ho kiacchierato troppo! bravissimo allo chef! a quanto pare si è impegnato egregiamente! dai..ne è valsa veramente la pena non declinare all'obbligato invito! :D ciao cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda Vicky: qua non corri mai il rischio di parlare (scrivere) troppo! I commenti me li bevo proprio, e se tardo a rispondere pubblicando nel frattempo un altro post è proprio perchè me li gusto dalla prima all'ultima parola rispondendo con altrettanti poemi (come avrai potuto notare...). Quindi: vai tranquilla!
      Grazie dei complimenti che giro allo chef: ne sarà felicissimo!
      baciotti grandi!!

      Elimina
  13. Salute allo chef e complimenti pure...a parte l'invito ecc ecc penso che il menù sia stato all'altezza, quella lasagnina fa sognare...ciao...a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, considerando pur che era la prima volta, la lasagna era proprio buona. ma ti assicuro: i galletti molto di più!
      Grazie infinite, un bacione!

      Elimina
  14. Complimenti a tuo fratello!Che bonta!Un bacione!

    RispondiElimina
  15. Cielo! Se cucina così la donna per tuo fratello sono io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Serena, presento subito la tua candidatura!!!!
      Un bacione, grazie!

      Elimina

Grazie della visita, lascia un segno del tuo passaggio, sarò felice di risponderti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...